D’Alfonso e portavoce prof alla D’Annunzio: Fi scrive a Mussi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9581

D’Alfonso e portavoce prof alla D’Annunzio: Fi scrive a Mussi
PESCARA. Il sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso, ancora al centro di una interrogazione parlamentare. Questa volta a formularla sono i senatori Filippo Piccone e Giorgio Stracqadanio (Forza Italia) che scrivono al ministro dell'Istruzione Mussi per chiedere alcuni chiarimenti, circa il ruolo di docente del primo cittadino presso la facoltà D'Annunzio. PICCONE: «D’ALFONSO, VOLPE IN DIFFICOLTA’ CHE TEMPOREGGIA FACENDO L’OCCHIOLINO AL CENTRODESTRA»
Il senatore Piccone segnala al ministro «l'anomalia» in base alla quale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Chieti, «si trovano a svolgere ruoli di docenza a contratto sia il sindaco di Pescara sia il suo portavoce Marco Presutti senza che entrambi, come richiesto dai regolamenti universitari, sembrino poter dimostrare di avere l'elevata e documentata qualificazione scientifica o professionale necessaria all'ottenimento del prestigioso incarico».
In questo anno accademico, così in quello precedente, il primo cittadino insegna Storia delle dottrine politiche alla facoltà di scienze della Formazione. Due ore al giorno, per tre giorni a settimana.
La notizia tuttavia non è nuova ed era risaputo dell'impegno accademico del primo cittadino e del suo portavoce.
Marco Presutti, invece, specifica Piccone, «svolge l'attività di insegnamento per la materia "Istituzioni culturali e formazione" con incarico a contratto, presso la medesima facoltà per l'Anno Accademico in corso». Sul sito internet della facoltà non si chiarisce il ruolo o il curriculum del portavoce. Ma Piccone non si ferma e precisa ancora al ministro Mussi: «sia il sindaco che il suo portavoce sono componenti – il primo con il ruolo di Garante, il secondo con quello di Presidente – della "Fondazione Europa prossima". Di questa Fondazione risulta altresì essere componente anche il professor Gaetano Bonetta, preside della Facoltà di Scienze della Formazione , ovvero la stessa facoltà dell'Università di Chieti presso cui insegnano il sindaco di Pescara ed il suo Portavoce e tale fatto appare agli occhi dell'opinione pubblica una coincidenza davvero particolare».
Non solo, nell'elenco si possono scorgere personaggi tutt'altro che sconosciuti e ben inseriti nel mondo della politica e della economia.

Ma guardando il curriculum di D'Alfonso sulla pagine del Comune di Pescara si capisce come non sia questo il suo primo incarico presso la università D'Annunzio. Infatti, si legge: «nel mese di marzo 2004 ha ricevuto dalla Facoltà di Lettere e filosofia, l'incarico di professore a contratto della disciplina "Diritto dell'U.E.: istituzioni politiche dell'integrazione europea e mediterranea". Nel mese di maggio 2004 ha ricevuto dalla Facoltà di Architettura, l'incarico di docente nell'ambito del Master di 1° livello in "Organizzazione e qualità dei progetti urbani».
Incarichi che si sono moltiplicati da quando lo stesso D'Alfonso riveste la carica di primo cittadino.

La risposta del sindaco non si è fatta attendere anche se si attende quella del ministro Mussi.
«Nel mio caso sono state rispettate tutte le prescrizioni di legge per l'affidamento dell'insegnamento di Storia delle Dottrine Politiche come è facilmente dimostrabile dalla consultazione delle carte».
D'Alfonso ha poi precisato che «sul piano personale questa materia rappresenta il principale oggetto del mio studio e della mia riflessione, che ho affinato sia nel corso di laurea di scienze politiche che in quello di filosofia, in cui mi sono laureato, in entrambi i casi con il massimo dei voti e con la lode». La seconda
laurea è arrivata quando D'Alfonso era già sindaco ed è stata conseguita proprio presso la facoltà di filosofia D'Annunzio.
Il primo cittadino comunica anche a Piccone che sta scrivendo un libro sul filosofo abruzzese Panfilo Gentile, «che è anche oggetto del mio insegnamento. Sarò molto lieto di confrontarmi su questo argomento con i due senatori che devo ritenere particolarmente interessati alla questione. Magari sarà il caso di organizzare un convegno sulla figura di Panfilo Gentile, cui i Senatori saranno invitati a partecipare, anche in questo caso su iniziativa della Fondazione Europa Prossima, il cui scopo istituzionale è la promozione della cultura istituzionale, economica e politica europea nel nostro territorio».
«L'università è il mio primo mestiere, faccio ricerca da prima di venire in Comune e cioè dal 2001», ha precisato Marco Presutti, «per assurdo mi sarei piuttosto aspettato di essere oggetto di una interrogazione nel 2003 quando sono diventato portavoce di D'Alfonso, piuttosto che oggi perché insegno all'università».

09/05/2007 9.11

PAGANO:«IL SINDACO TUTTOFARE ANCHE IN ABRUZZO LAVORO?»

«Nonostante tutti gli impegni il sindaco riesce a trovare il tempo anche per la docenza universitaria», ha commentato Pagano, «alternando la presenza negli amati cantieri a quella delle più paludate aule della D'Annunzio. Ma il sindaco tuttofare - prosegue Pagano – docente universitario e filosofo aspira anche ad essere componente del nucleo di valutazione di Abruzzo Lavoro. Da febbraio – spiega l'esponente di Forza Italia – la Giunta continua a rinviare la decisione su tali nomine, nonostante sia stato emanato un avviso pubblico, perché non sa se può permettersi lo sgarbo di bocciare la domanda del sindaco valutatore ovvero se nominarlo nonostante la chiara inopportunità politica. In ogni caso – conclude Pagano – la conseguenza è che Abruzzo Lavoro è senza nucleo di valutazione e che una volta di più è emerso che al centrosinistra quando si tratta di sistemare qualcuno dei suoi gli interessi della collettività non interessano».

09/05/2007 12.56


PICCONE: «D'ALFONSO, VOLPE IN DIFFICOLTA' CHE TEMPOREGGIA FACENDO L'OCCHIOLINO AL CENTRODESTRA»


«D'Alfonso è un politico confuso ed in grande difficoltà perché non sa quale strada imboccare per pianificare il suo futuro: sta quindi utilizzando ogni suo “contatto” politico per coprire i due anni di buco che si gli aprono davanti tra la fine del mandato al Comune di Pescara, che cade nel 2008, e le prossime elezioni regionali del 2010».
Continua l'attacco frontale al primo cittadino da parted el senatore Piccone che risponde così a sua volta a D'Alfonso.
«Il professor D'Alfonso sta ponendo in essere per assicurarsi un posto o posti al sole per svolgere attività politica. A questa esigenza – ha continuato Piccone -, risponde l'incarico di docenza all'università D'Annunzio, al pari del suo portavoce Presutti, nella facoltà di Scienze della Formazione, guidata dal preside Bonetta. Una occasione di lavoro, si fa per dire, costruita da tre personaggi che a vario titolo (D'Alfonso e' presidente) sono nella fondazione “Europa prossima”».
Il principale obiettivo del sindaco di Pescara sarebe quello di “ingannare il tempo” in attesa di candidature alla Regione che tuttavia non sarebbero sicure anche poerchè Del Turco a sorpresa potrebbe comunque ricandidarsi.
«D'Alfonso ha seri problemi nella sua coalizione e per recuperare credibilità e potere, ricatta il centrosinistra facendo l'occhiolino al centrodestra. Non ci meraviglia quindi», conclude Piccone, «che reagisce in maniera scomposta ai rilievi sulle sue “occupazioni” fuori dal Comune. Neppure lo sfoggio compiaciuto ed orgoglioso dei suoi titoli di studio e delle sue passioni umanistiche, purtroppo per il sindaco di Pescara, dottor, professor D'Alfonso, è riuscito a nascondere la sua drammatica situazione politica».

11/05/2007 8.14