Giulianova: «il mistero degli stendardi di Malta»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1968

GIULIANOVA. La scorsa estate in città è stata organizzata la manifestazione "Popoli del Mare" in onore del gemellaggio della cittadina con Malta ma un giuliese in vacanza a La Valletta dice che lì nessuno saprebbe di questo legame simbolico.
«Per il solo acquisto degli stendardi», ricorda Alfonso Aloisi del movimento civico "Poveri Giuliesi, «il Comune l'estate scorsa ha spesso circa 12mila euro».
Ma dove si trovano adesso questi stendardi? Franco Santori, giuliese di ritorno da Malta ha raccontato di averne visti alcuni identici proprio durante la sua vacanza. Sono gli stessi? Non si sa ma quello che sembra certo è che «del gemellaggio con la nostra terra lì nessuno sa niente».
«Lo scorso 10 febbraio», racconta Santori, «mi sono trovato a Malta e precisamente nella capitale La Valletta. Imbocco la centralissima Republic Street ed ad un certo punto mi sono stropicciato gli occhi.
Il motivo? Sembrava di essere tornato indietro di qualche mese quando gli stessi addobbi adornavano il nostro Corso Garibaldi».
Santori ha scattato alcune foto e «visto il gemellaggio portato avanti con molta enfasi dall'amministrazione comunale della mia città con la Repubblica di Malta nel luglio del 2006 e costato circa 70mila euro, mi sono girato attorno ed ho chiesto agli organizzatori di Malta notizie sulla manifestazione "I Popoli del Mare" e sul gemellaggio con Giulianova».
Ma nessuno dei maltesi aveva idea di dove si trovasse la cittadina
abruzzese: «grande è stata la mia delusione», racconta ancora Santori, « quando più persone mi hanno detto di non sapere niente di questo gemellaggio. Con la coda tra le gambe, mi sono allontanato immortalando con la mia piccola macchina fotografica digitale "Il grande bluff" costato fior di quattrini alla nostra collettività cittadina. Ora si vuole replicare con la Siria e credo che mi toccherà recarmi anche a Damasco...per verificare».
«Vorremmo sapere», chiede adesso Aloisi, «se gli stendardi presenti a Malta erano gli stessi esposti a Giulianova o se quelli utilizzati nel centro storico giuliese erano gli stessi provenienti dall'isola del mediterraneo. O meglio ancora dove sarebbero custoditi a Giulianova gli stendardi costati 12mila euro»

02/05/2007 10.11