Commissione d'indagine «per svelare le ombre» dei Campionati europei di basket

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1103

CHIETI. Sarà istituita una Commissione di indagine con l'incarico di visionare gli atti del Comitato organizzatore dei Campionati europei di basket femminile Chieti 2007. Si verificheranno i documenti sul personale assunto, le modalità di assunzione, i rapporti di collaborazione e agli incarichi professionali, nonché i conti consuntivi per le annualità 2005 e 2006 e il bilancio di previsione 2007. 
CHIETI. Sarà istituita una Commissione di indagine con l'incarico di visionare gli atti del Comitato organizzatore dei Campionati europei di basket femminile Chieti 2007. Si verificheranno i documenti sul personale assunto, le modalità di assunzione, i rapporti di collaborazione e agli incarichi professionali, nonché i conti consuntivi per le annualità 2005 e 2006 e il bilancio di previsione 2007.

 


Inoltre, sempre il Consiglio provinciale, chiede che il presidente della Giunta Tommaso Coletti revochi l'incarico al suo vice nonchè assessore allo sport Umberto Aimola «per il comportamento omissivo e irrispettoso nei confronti del Consiglio provinciale» e che l'amministrazione Provinciale «sospenda l'erogazione del contributo annuo di 200 mila euro al Comitato per l'anno 2007 sino al termine dei lavori della Commissione di indagine e quindi della relazione al Consiglio».
L'iniziativa, partita dalla minoranza di centrodestra vuole accertare «l'effettiva utilizzazione e destinazione di circa 1 milione e 600 mila euro stanziati per il Comitato sia dalla Provincia (600 mila euro nel triennio 2005-2007) sia dai Comuni di Chieti, Lanciano, Vasto e Ortona ( 90.000 euro l'anno ciascuno)».
Secondo gli esponenti della minoranza «la fissazione della seduta di Consiglio da noi richiesta dimostra che anche la maggioranza ha compreso che bisogna far luce su tutti gli aspetti della vicenda che intendiamo chiarire. Continua a sorprendere, tuttavia, il silenzio assordante dell'assessore Aimola che finora ha ritenuto non solo di non dover dare spiegazioni ma soprattutto di non dover mettere a disposizione gli atti richiesti».
13/04/2007 9.25