Iper a S.Antonio: «decisione nelle mani del Comune»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1548

Iper a S.Antonio: «decisione nelle mani del Comune»
L'AQUILA. «Inizia una nuova fase della politica cittadina», ad annunciarla e promuoverla sono stati di nuovo i vertici attuali dell'amministrazione Provinciale che, con la presidente Pezzopane, l'assessore all'Urbanistica Cioni e il dirigente del servizio, hanno organizzato l’altro ieri un incontro con alcuni dipendenti e Dirigenti delle Coop di L'Aquila.
Scopo dell'incontro è stato quello di cercare di scongiurare il licenziamento di 25 lavoratori, «cercando di forzare la mano», sostiene la minoranza, «affinché l'iter burocratico-amministrativo dell'Iper Coop si concluda al più presto con l'approvazione del progetto». A denunciare il fatto è ancora una volta Antonio Scarsella.
Nel corso dell'incontro i dipendenti e i vertici aziendali hanno sollecitato la Provincia ad esprimere il parere per la localizzazione dell'iper in località S.Antonio.
«La Provincia dell'Aquila- ha spiegato l'assessore Celso Cioni- ha espresso il proprio parere favorevole in merito, sin dallo scorso ottobre del 2005, in sede di una Conferenza di Servizi, convocata dallo Sportello Unico delle imprese».
In quella sede la Provincia ha disposto anche delle prescrizioni per quanto concerne la viabilità, disposizioni a cui il Comune e la Coop devono adeguarsi. «Solo di recente- ha proseguito l'assessore- il Comune dell'Aquila ha provveduto ad adeguare il Piano urbanistico commerciale del capoluogo alle vigenti normative regionali».
Alla luce della recente documentazione prodotta, l'amministrazione comunale ha chiesto (solo giovedì scorso), in sede di Conferenza dei Servizi, alla Provincia di esprimere un nuovo parere circa la conformità dell'insediamento dell'ipermercato.
«Parere», assicura Cioni, «che daremo non appena il Crta, opportunamente convocato in data odierna nei termini di legge, avrà espresso il proprio orientamento. Tuttavia- aggiunge - questo non blocca l'iter del progetto, che può approdare sin dalla prossima seduta in Consiglio Comunale, per il via libera definitivo. L'Amministrazione comunale è infatti già da tempo in condizione di poter concludere il procedimento, sulla base dei pareri già espressi dalla Provincia e dagli altri enti»

AN: «QUESTA E' POLITICA DEMAGOGICA»

«Già durante le precedenti elezioni Provinciali gli stessi personaggi», sostiene Antonio Scarsella, componente del direttivo del circolo di An "Progetto L'Aquila" e Consigliere della VII circoscrizione, «avevano promesso ai lavoratori del Polo Elettronico il loro massimo impegno politico per scongiurare licenziamenti e per cercare nuove commissioni di lavoro. Il risultato fallimentare è agli occhi di tutti»
Con l'insediamento Ipercoop c'è il grande problema del traffico «ma a monte», sottolinea l'esponente di An, «c'è un pericolo ben più grave di quello della viabilità, ossia, la eventuale chiusura dei supermercati della zona ovest della città e dei negozi del centro cittadino, con un aumento vertiginoso dei licenziamenti delle persone che lavorano presso questi esercizi commerciali. Come mai la Provincia, cosi solerte in questa occasione, non ha promosso un incontro con questi lavoratori che sono anche loro a rischio di licenziamento?»
Il Circolo Progetto L'Aquila propone una soluzione: «la Coop mantenga i supermercati già esistenti senza minacciare strumentali licenziamenti e rinunci alla mega operazione dell'iper che sicuramente non gioverà alla nostra città».

31/03/2007 9.48