Pescara. «697,82 euro di tasse annue per ogni pescarese»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1511

PESCARA – Un bilancio di previsione bocciato dalla minoranza. «Manca la voce di cooperazione internazionale», tuona An, «aumento spropositato delle addizionali», secondo Forza Italia. Ma non ci sarà ostruzionismo in aula «solo una serie di emendamenti per discutere a tavolino con la maggioranza». Secondo l'associazione culturale La Radice «il Comune sa esattamente l'importo delle multe che commineranno i vigili urbani». E in un anno, «ciascun pescarese (di ogni età) pagherebbe in media 33,30 € per multe dei Vigili urbani, 114 € allo Stato che li trasferirà al Comune e 550,52 € direttamente alle casse Comunali, per un totale di 697,82€».
«Oltre 4 milioni di euro di entrate previste per il Comune di Pescara per l'anno 2007. Più che una voce di bilancio si tratta di una minaccia bella e buona per i cittadini. Comunque vada, sappiano che saranno multati per quell'importo».
Alfredo Castiglione, capogruppo di AN in Regione Abruzzo e consigliere comunale di Pescara, boccia il bilancio del Comune di Pescara, che prevede «più tasse e meno servizi e soprattutto non mantiene gli impegni assunti ufficialmente dal consiglio comunale».
L'esponente di AN si riferisce alla «deliberazione del consiglio comunale con cui si impegnava la giunta a destinare gli introiti derivanti dall'aumento delle addizionali Irap e Irpef al sociale e alla microimpresa. Impegni disattesi per aumentare le spese relative a consulenze, fiere, viaggi, concerti e gabinetto del sindaco, ovvero il superfluo –come nello stile del sindaco D'Alfonso».
Per Forza Italia si tratterebbe invece di «un bilancio carente che, nonostante l'aumento delle entrate ottenuto tramite una maggiore imposizione fiscale, non soddisfa le esigenze sociali della città» E' questo il commento della capogruppo di Forza Italia Nicoletta Verì al Comune di Pescara, sul bilancio 2007 che domani approderà in aula nella seduta consiliare.
«Poche parole», ha commentato la capogruppo Nicoletta Verì, «per ribadire che, purtroppo, all'aumento delle entrate del Comune, con un aumento spropositato delle addizionali, delle tasse e delle imposte, non corrisponde un aumento dei benefici per la popolazione».
E viene tirata in ballo anche la Attiva Spa, «che oggi si avvale di un sistema di gestione che prevede il versamento alla società stessa della Tarsu e delle maggiori tariffe incassate. Tariffe che vengono girate ad Attiva per le prestazioni rese – ha aggiunto la capogruppo -, somme che vengono gestite da Attiva senza che alcuno possa esercitare un controllo. E, infine, è evidente, a una semplice lettura del bilancio, che nei maggiori stanziamenti riservati a nuovi lavori pubblici, si celano in realtà milioni di euro per incarichi professionali esterni».
Un giudizio negativo, dunque, quello della capogruppo Verì, che ha comunque annunciato che in aula non farà ostruzionismo: «abbiamo già depositato alcuni emendamenti sui quali discuteremo a tavolino con la maggioranza».

«4,079 MLN DI EURO DI MULTE NEL 2007»

«L'ultimo slogan del sindaco D'Alfonso è "Ici Zero", ricorda Mattia Giansante dell'associazione culturale "La Radice", «ma si tratta di pura e semplice demagogia. Il sindaco lascia intravedere per circa 3.500 famiglie un risparmio intorno ai 40 € l'anno, e per le casse comunali un mancato introito più o meno di 140.000 €».
Tra la valanga di numeri del bilancio di previsione che il Consiglio Comunale di Pescara si appresta a discutere e votare, l'Associazione Culturale "La Radice" avrebbe scovato una «singolare voce con cui la Giunta pare si già in grado di sapere che nel 2007 i Vigili urbani faranno multe per 4.079.000 €. Sarebbe curioso», sostiene Giansante, «conoscere il criterio di stima di un previsto incasso da capogiro, a meno che non sia stata istituita per i 122.457 pescaresi di qualsiasi età, da un giorno di vita in poi, una vera e propria nuova tassa comunale di 33,30 €».

Dal bilancio di previsione che sta andando verso l'approvazione «emerge in sostanza, stando ai numeri, tutti i 122.457 pescaresi sono praticamente costretti a pagare la bellezza di 33,30 € per multe dei Vigili urbani, 114 € allo Stato che li trasferirà al Comune e ben
550,52 € direttamente alle casse Comunali, per un totale di 697,82€.
Tra le uscite l'Associazione Culturale "La Radice" segnala 5.650.000 € per gli stipendi di circa 160 Vigili urbani, 35.312 € l'anno; più o meno 2.950 € al mese.
Solo 2.476.904 € per il sociale, asili nido, assistenza ai minori, casa di riposo per anziani, assistenza agli indigenti, 20,22 € per ciascun cittadino

«AUMENTANO TASSE E SPESE INUTILI »

«Le entrate tributarie», ha spiegato il consigliere Marcello Antonelli (An), saranno pari a 73 milioni di euro, 6 milioni in più dell'anno scorso, mentre le spese correnti aumenteranno di 4 milioni e 650mila euro e solo per la promozione dell'immagine della città sono a disposizione del Gabinetto del sindaco 150 mila euro».
Per quanto riguarda il Piano triennale delle opere pubbliche, An presenterà delle osservazioni per la «razionalizzazione degli interventi nelle attualità. Vogliamo - ha spiegato Antonelli - che non si ripeta quanto sta accadendo a Pescara Nord, dove si sta intervenendo in contemporanea sulla Nazionale, a piazza duca e in via Cadorna. Chiediamo poi l'inserimento di opere strategiche, come viale Bovio e via Raffaello». Gli emendamenti che An presenterà sono un centinaio.

A.L. 16/03/2007 11.23


«LA COOPERAZIONE AVRA' UNA VOCE IN BILANCIO DEDICATA»

«Questa nostra Amministrazione», ha detto oggi il sindaco Luciano D'Alfonso, «spronata anche dalla sensibilità del Presidente del Consiglio Melilla, si è distinta per importanti operazioni di cooperazione internazionale, che hanno qualificato l'immagine di Pescara nel mondo, in particolare nei paesi nuovi che stanno affrontando difficili battaglie per il progresso civile e democratico».
«Anche nel 2007», ha promesso, «vogliamo confermare questo impegno, per il quale avevamo previsto 75.000 euro che nella bozza di bilancio erano inseriti nelle spese sociali.
Per meglio qualificare questo intervento di valenza strategica, tuttavia, assumo l'impegno a far si che questi fondi abbiano una specifica voce in bilancio».

16/03/2007 15.16