Elezioni 2007: dall'"Arcobaleno" dopo il Ciclone alla "Formica" risparmiatrice

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9039

Elezioni 2007: dall'"Arcobaleno" dopo il Ciclone alla "Formica" risparmiatrice
MONTESILVANO. Ventisei liste, quasi 300 candidati. Ma forse ventisette, ventotto, trenta: c'è ancora tutto il tempo per organizzarsi. Sono i numeri impressionanti della prossima corsa alle elezioni amministrative del Comune che si appresta a risorgere dopo l'inchiesta Ciclone che ha spazzato via ex sindaco e giunta comunale. Si torna a scegliere la guida della città e questa volta la responsabilità è più grande che mai.
Chi pensava che la caduta improvvisa di Enzo Cantagallo avrebbe colto tutti impreparati, si sbagliava di grosso.
Almeno in apparenza, la politica della quinta città abruzzese è in pieno fermento e si annuncia una battaglia elettorale piena di volti nuovi, progetti da sogno, libertà per tutti, giustizia e uguaglianza.
Peccato che non siamo sull'isola di Utopia.
Basta scorrere velocemente le liste non ancora ufficializzate per scoprire che non è tutta farina di nuovi sacchi.
Eppure c'è un grande vantaggio da cui tutti potranno trarre benefici:
i cittadini sono esasperati, hanno voglia di normalità, di vedere un primo cittadino che li rappresenti e soprattutto c'è la convinzione che il futuro non potrà essere peggio di come è stato il passato.
O almeno si spera.
I nuovi candidati possono quindi liberamente fiondarsi sulle speranze degli elettori stufi e pronti al cambiamento, cominciando, per esempio dai nomi: si va dalla "Formica" (da sempre simbolo di instancabile attività e risparmio) all'"Arcobaleno" (che arriva sempre dopo la tempesta, o Ciclone, se si preferisce). Poi ancora "Libero" (nome profetico?) e "Montesilvano vive" (se qualcuno pensava che fosse stata definitivamente uccisa sotto il peso delle tangenti e speculazioni edilizie).
Anche i programmi puntano al rinnovamento, alla pulizia morale e all'integrità politica. Il cittadino prima di tutti, l'interesse pubblico su ogni cosa.
Come si farà a scovare la lista giusta?
C'è chi starà attento a non votare per qualche riciclato e chi, forse, non conoscendo troppo l'ambiente politico si dovrà fidare di intuito e ottimismo o di nuove allettanti promesse.
Quella che nel 2004 era "Uniti per Cantagallo" si è trasformata in "Montesilvano vive" ma a parte il restayling del nome sembra che saranno poche le facce nuove.
Si ripresenterà anche la lista "Arcobaleno" (dell'ex assessore De Blasio che ne resterà fuori, dopo l'arresto che lo ha travolto nei mesi scorsi).
Poi ancora Giuseppe Tini (ex assessore di Cantagallo), con la lista "Insieme per Montesilvano".
Suo alter ego l'esponente di "Lavoriamo insieme per Kennedy", Kennedy Pettine, moglie dell'architetto Aurelio Colangelo, da sempre nemico di Cantagallo.
E poi ancora la lista "No euro" di Mario Saladino, "Rinnovamento" di Paola Sardella (ex Margherita), "Italiani nel mondo" capeggiata da Ugo Torti.
L'Italia dei Valori correrà da sola, così come ha spiegato qualche giorno fa il suo portavoce regionale, l'onorevole Carlo Costantini che vorrebbero l'esclusione di qualsiasi soggetto indagato dalla gara elettorale. Spuntano infine nomi come "Libero" dell'ex assessore Corrado Carbani e la risparmiatrice "La formica", appunto, capitanata da Marco Di Donato.

Tutte le liste dovranno superare lo sbarramento delle firme per potersi candidare e concorrere alle poltrone da riempire. Il tutto avviene mentre l'ex sindaco Cantagallo è ancora agli arresti domiciliari e le indagini continuano, tra mille difficoltà e non si sa mai che spuntino nuove sorprese ad agitare nuovamente le acque.
Sono ancora molti gli accordi di programma sotto la lente degli inquirenti e ancora troppi i fatti da chiarire anche perché l'ex sindaco pare non abbia avuto molta voglia di raccontare e collaborare.
Ma che importa ora potrà godersi questa nuova tornata elettorale solo da spettatore ma da inquisito libero di circolare.
Cantagallo, infatti, da ieri si è visto revocare gli arresti domiciliari poichè secondo gli inquirenti non vi sarebbero più pericoli di inquinamento delle prove.
09/03/2007 9.18