Tre torri, L'Aquila protesta scendendo in piazza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2036

Tre torri, L'Aquila protesta scendendo in piazza
L'AQUILA. Ci sarà una manifestazione di protesta contro la costruzione delle Tre torri le quali diventeranno la nuova sede pescarese della Regione. Dopo le proteste degli ultimi giorni e la contrarietà al progetto manifestata dal sindaco dell'Aquila Biagio Tempesta e dalla presidente di Provincia Stefania Pezzopane arriva anche il corteo di manifestanti. LA BAGARRE E IL PROGETTO
L'ha organizzato la Fiamma Tricolore che sabato prossimo scenderà in piazza con lo slogan "basta scippi al capoluogo di regione".
La realizzazione della nuova sede che dovrebbe ospitare gli uffici regionali e l'aula del Consiglio (così da ospitare le riunioni nei mesi invernali, quando i lavori si spostano a Pescara causa neve) rischia di creare un incidente diplomatico tra le due città.
L'Aquila rivendica ormai da settimane il suo ruolo di capoluogo di regione e non ci sta a vedersi soffiare soldi e prestigio.
Pescara, dal canto suo, ha sfornato un progetto a cui non vorrebbe proprio rinunciare e sa di poter contare su un potere di immagine notevolmente cresciuto negli ultimi tempi.
«La costruzione delle Torri presso la ex fonderia Camplone è una grandissima speculazione edilizia con relativo sperpero di pubblico denaro», sostiene Vignali della Fiamma Tricolore.
«Il danno economico e d'immagine per L'Aquila sarebbe enorme se si spostasse anche la sede del Consiglio Regionale a Pescara».

09/03/2007 9.14