L’Aquila. Torna a riunirsi il Consiglio dell’acqua

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1196

L'AQUILA. La definizione di linee guida per il riuso delle acque reflue, il monitoraggio dei corsi d'acqua, un focus sugli aspetti qualitativi della depurazione.
Queste alcune delle proposte che saranno discusse dal Consiglio dell'Acqua della Provincia dell'Aquila, che tornerà a riunirsi oggi, 1 marzo, nella sala Celestiniana del Complesso Santa Maria di Collemaggio all'Aquila, alle ore 15,00.
Prevista la partecipazione della Presidente della Provincia Stefania Pezzopane, dell'Assessore all'Ambiente della Provincia dell'Aquila, nonché presidente del Consiglio dell'Acqua, Michele Fina, dell'Assessore regionale alle Opere Pubbliche, Mimmo Srour.
Istituito nel dicembre 2004, su proposta della Provincia dell'Aquila, il Consiglio dell'Acqua ha come obiettivo quello di concertare con il territorio proposte condivise per una maggiore razionalizzazione dell'uso delle acque.
Fino a questo momento sono 150 i soggetti che vi hanno aderito, in rappresentanza della Regione Abruzzo, degli Enti Locali della provincia dell'Aquila, degli A.T.O, dei gestori del Servizio Idrico Integrato, dell'Università dell'Aquila, degli Enti di ricerca, degli Ordini Professionali, delle Associazioni ambientaliste e di Volontariato, del Corpo Forestale dello Stato, dei Consorzi di Bonifica, dei Parchi, dei Consorzi per lo sviluppo industriale, della Confconsumatori, della Confederazione Italiana Agricoltori, della Confagricoltura, della Coldiretti, della Società cooperative, dei Gruppi di Agenda 21 locale, delle Società private, dei liberi professionisti e dei cittadini.
«La Provincia, che sostiene la necessità di una profonda riforma della gestione della risorsa idrica a partire dai contenuti della proposta avanzata dalla Regione Abruzzo- ha dichiarato l'assessore Fina- si pone come obiettivo quello di decidere insieme uno sviluppo del territorio attento alle esigenze e agli interessi locali. Questo il motivo per cui abbiamo istituito il Consiglio dell'Acqua, quale nuovo ed inconsueto luogo di confronto e di coordinamento per poter disporre di una rete tra tutti i soggetti che, a vario titolo, sono interessati e coinvolti in attività relative al mondo acqua».

1/03/2007 8.15