«La riforma della Fira servizi entro febbraio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1507

ABRUZZO. La riforma degli enti strumentali, che sarà proposta all'esame del Consiglio regionale entro il mese di febbraio, investirà anzitutto Fira servizi, la società alla quale Fira spa aveva esternalizzato le attività di gestione e monitoraggio che le erano state attribuite in prima istanza dal settore Sanità della Giunta regionale.
Lo ha annunciato stamattina ancora una volta il presidente della Giunta regionale, Ottaviano Del Turco, rispondendo in Aula consiliare, ad una interpellanza dei consiglieri di maggioranza, Angelo Orlando e Maria Rosaria La Morgia, sul riordino del sistema degli enti strumentali.
«Non aspetteremo il 30 giugno, data indicata dalla finanziaria regionale per riordinare il sistema degli enti - ha dichiarato il presidente Del Turco, ma metteremo l'Assise nelle condizioni di poterne discutere già entro le prossime settimane, e si comincerà proprio da Fira servizi».
Del Turco ha osservato che «Fira servizi si è avvalsa di un complesso meccanismo, capace di compiere la magia di sottrarsi allo spoil system».
«Già nella seduta di Giunta di ieri - ha aggiunto il Presidente - è stato affrontato il tema».
In attesa della proposta di riordino, Del Turco ha sottolineato che passi in avanti sono stati comunque compiuti, citando gli avvenuti incontri con il presidente della Fira, l'amministratore di Fira servizi e i sindacati per affrontare la questione dei dipendenti di quest'ultima.
«Vogliamo evitare che le voci di scioglimento - ha detto Del Turco - alimentino una sensazione di precarietà. Trasferiremo tutto ciò che potrà essere trasferito all'Agenzia sanitaria regionale per evitare di danneggiare i lavoratori».
Il Presidente ha quindi ricordato l'istituzione di una task force regionale per la valutazione dei progetti finanziati con fondi Docup, oggetto di inchiesta giudiziaria, e la sostituzione dei componenti le commissioni di valutazione «a dir poco poco trasparenti».
«Tutti possono verificare le strane mutazioni genetiche che hanno attraversato Fira servizi», ha aggiunto il Presidente, nata dalle ceneri dell'Agenzia per lo sviluppo del territorio e trasformatasi in società a responsabilità limitata cui Fira spa, attraverso un contratto di servizi, ha affidato i compiti di monitoraggio e di tesoreria della Divisione sanità.
«Tutto questo - ha concluso Del Turco - è accaduto da gennaio a marzo 2005. In questa vicenda le date risultano illuminanti».

30/01/2007 15.01