«L’amministrazione comunale vuole davvero cambiare strada in campo edilizio?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1027

VASTO. Aperta una inchiesta per presunti abusi edilizi sulla costa vastese. In passato erano state molte le avvisaglie al riguardo. La procura locale ora sta indagando per verificare eventuali irregolarità nelle procedure amministrative e l’eventuale insorgere di reati. «Questa nuova inchiesta ci fa tirare un sospiro di sollievo per il fatto che finalmente si cominciano a mettere le mani sullo scempio edilizio vastese consumato negli ultimi 5 anni», dicono i consiglieri della lista Un voto pulito per Vasto, Claudio Zimarino e Antonio Spinnato.
«Già nel corso del mese di Settembre 2006», spiegano, «avevamo lanciato la proposta di una Commissione di Inchiesta del Consiglio Comunale sulla gestione del Piano Regolatore, riprendendo quanto era stato all'epoca proposto dall'allora Minoranza di Centro-Sinistra nel 2005. Dobbiamo però constatare come la proposta sia caduta nel vuoto, come anche dobbiamo purtroppo osservare che la revisione del Piano Regolatore, come tanti altri progetti, sembra ormai sparita dall'agenda politica della Giunta Lapenna, dopo essere stata agitata come bandiera elettorale».
Da allora però nessuno ha più parlato dell'argomento e non si è registrata alcuna presa di posizione degli Amministratori, né alcuna dichiarazione circa la volontà di attuare un vero cambiamento e di fare i conti con il passato.
«Per quel che ci riguarda», continuano Zimarino e Spinnato, «registriamo anzi un preoccupante silenzio della Giunta Lapenna sui recenti avvenimenti giudiziari. Né abbiamo sentito, da parte dell'Assessore competente al ramo Anna Suriani, alcun resoconto del risultato dei controlli ed indagini sul rilascio delle concessioni edilizie, avviati nel mese di Settembre. Si sta facendo qualcosa o è stato il solito prolungamento della campagna elettorale? Ci rammarica il fatto che sia la Magistratura a dover scoperchiare il pentolone, mentre la Politica manca ancora una volta la sua missione di controllo democratico della gestione. Ci chiediamo a questo punto a cosa servono i cambi di maggioranza se poi le cose continuano a marciare sempre alla stessa maniera. Concludiamo ribadendo con fermezza la proposta di una Commissione di Inchiesta del Consiglio Comunale sui misfatti del Piano Regolatore».

16/01/2007 11.04