Di Bonaventura: «Roseto diventerà la città degli eventi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1399

ROSETO. «Piena solidarietà ai giornalisti e l’auspicio che il 2007 porti al più presto la soluzione dell’annosa vertenza per il rinnovo contrattuale della categoria». Con queste parole, il Sindaco Franco Di Bonaventura ha aperto il consueto appuntamento per il bilancio di fine anno. Nel salutare i giornalisti, il primo cittadino ha ricordato l’importanza di una informazione libera e indipendente, in grado di esprimere un controllo efficace sulle istituzioni democratiche di un paese.
Il 2006 è stato l'anno delle elezioni Politiche di aprile e delle elezioni Amministrative di maggio.
In entrambi gli appuntamenti Roseto ha premiato la coalizione di centrosinistra.
«Il consenso che è stato espresso intorno al programma e agli uomini di questa coalizione (11.929 voti - 78,4%)», ha detto Di Bonaventura, «ci ha dato una spinta fortissima per costruire nuove opportunità di sviluppo per Roseto e per tutta la comunità. Il fiorire di tante imprese nella nuova area artigianale-industriale attigua all'autoporto, è il segno di una rinnovata spinta verso un futuro fatto di crescita, per un territorio che presenta notevoli potenzialità. Come pure la nascita di nuove e qualificate strutture per i servizi turistici, ci conforta e ci fa sperare in una vera e propria rinascita di un settore che ha sempre più bisogno di rispondere alle nuove sfide del mercato».
Anche nel 2006 l'amministrazione ha programmato interventi per la crescita dell'intero territorio, con opere che interessano Roseto nella aree di maggiore sviluppo, ma anche le frazioni a cui da sempre riserviamo particolare attenzione.
«Un esempio lampante», continua il sindaco, «è la costruzione ex novo della scuola materna di Casal Thaulero, oppure la dotazione di centri sportivi polivalenti in ogni frazione di Roseto. Senza dimenticare le opere per la maggiore sicurezza dei cittadini. In tema di sicurezza non dimentichiamo il risultato importantissimo ottenuto da Roseto, che per due anni consecutivi ha ospitato il Posto estivo di Polizia, un presidio che ha offerto servizi anche di tipo amministrativo non solo a Roseto ma a tutta la costa teramana.
Abbiamo lavorato per consolidare Roseto come una città solidale, ci siamo impegnati per rendere Roseto una città accogliente, abbiamo profuso continui sforzi per far diventare Roseto una città di eventi.
Ed oggi possiamo dire con orgoglio che la nostra Città è punto di riferimento non solo in provincia ma in tutta la Regione per appuntamenti di grande richiamo».
Il palcoscenico più importante è sicuramente il Palazzetto “Remo Maggetti”, il luogo coperto più moderno e capiente di tutto l'Abruzzo.
E grazie alla prima “Notte Bianca”, sperimentata ad agosto, l'intera città si è trasformata in un palcoscenico a cielo aperto, per un evento che ha superato le attese.
Il futuro è fatto anche di sviluppo sostenibile.
«La Bandiera Blu della FEE», sostiene il primo cittadino, «è un primo importante risultato consolidato negli anni. Negli ultimi mesi del 2006 abbiamo aggiunto la certificazione Iso 14001 per tutti i settori dell'Ente ed abbiamo avviato con successo il percorso per la certificazione EMAS. Si tratta dell'adesione volontaria ad un sistema comunitario di ecogestione e audit, per promuovere il costante miglioramento dei risultati ambientali della nostra organizzazione».
Da novembre inoltre è entrato in funzione l'impianto fotovoltaico installato dal Comune sul tetto della scuola elementare di Cologna Paese e a giorni sarà funzionante quello della scuola di Montepagano.
Grazie a questo sistema le due strutture saranno energeticamente autonome garantendo addirittura una eccedenza di energia che potrà essere rimborsata all'ente dall'Enel.
«È una sfida importante come l'implementazione della raccolta differenziata dei rifiuti. Anche nel 2006», dice Di Bonaventura, «abbiamo raggiunto una percentuale significativa, superando abbondantemente il 30% del totale, ma ora siamo chiamati a dare un maggiore contributo attraverso la raccolta porta a porta. Il 2006 è stato caratterizzato da importanti risultati anche sul fronte dell'organizzazione del personale. Abbiamo raggiunto l'accordo con le sigle sindacali per la nuova Pianta Organica dell'Ente e subito dopo la Giunta ha approvato il documento propedeutico alla riorganizzazione dei servizi.
Anche il settore dei servizi sociali è stato particolarmente impegnativo nell'anno che si sta per concludere.
Confermati e in molti casi incrementati i servizi offerti all'interno del Piano Sociale di Zona, che ormai viene preso in esame da numerosi studenti come modello di studio per le loro tesi di laurea».

Tra le nuove esperienze che hanno visto il coinvolgimento diretto dei cittadini e del territorio, sono stati ricordati i laboratori di progettazione partecipata per la realizzazione di un parco urbano denominato “Una terrazza sul mare”.
Nei primi tre mesi del 2007 sono previsti i traslochi dei servizi amministrativi nella sede comunale ristrutturata.
L'approvazione del Piano Particolareggiato di Piazza della Repubblica apre le porte al programma di recupero delle piazze principali del centro di Roseto ed alla pedonalizzazione di Via Garibaldi.
Il programma di infrastrutturazione della città guarda ora alle zone di espansione come ad esempio la zona del Borsacchio e di via Accolle dove sta nascendo il nuovo asilo nido della città.

29/12/2006 9.35