Piano spiaggia: piccola burrasca in vista

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1025

Piano spiaggia: piccola burrasca in vista
PESCARA. Spiagge sotto accusa anche in questi primi scampoli di freddo inverno. Il consigliere dei Verdi Fausto Di Nisio chiede che vengano rispettate le norme prescritte dal Comune e la Fiba Confesercenti si chiede che fine abbia fatto, dopo 8 mesi, il piano demaniale marittimo.
Il Consiglio Comunale ha recentemente adottato il nuovo Piano Spiaggia e in fase di adozione fu approvato un emendamento a firma del consigliere Fausto Di Nisio che prevedeva la rimozione, al termine della stagione balneare, di tutte le strutture di ombreggio compreso gli “scheletri” delle così dette palme. «E' evidente», dichiara oggi Di Nisio, «che tale norma non ha trovato piena applicazione fino alla data odierna se non da parte di quella “imprenditoria della balneazione” che rispetta le regole». Per questo il consigliere ha promosso una interrogazione consiliare in cui chiede di conoscere cosa farà il Comune per fronteggiare il problema e «far sì che le evidenti disparità di comportamento tra i balneatori vengano rimosse».

CHE FINE HA FATTO IL PIANO DEMANIALE?

Lo scorso aprile 2006, la Confesercenti , ha protocollato le osservazioni al Piano demaniale marittimo comunale dopo la sua adozione in Consiglio comunale.
«Ci sorprende», dichiara oggi la Fiba «che un' amministrazione attenta
alle problematiche fondamentali per lo sviluppo della città, si dimentichi per otto mesi di riprendere l'iter e la discussione su questo importante strumento del settore turistico ricreativo».
La Fiba sottolinea come «la conclusione di questo importante provvedimento, è un passaggio essenziale per le attività turistiche ricreative balneari e di conseguenza di tutto il sistema turistico comunale, settore nevralgico dell'intera economia cittadina».

05/12/2006 11.19