Quello strano fondo per il riequilibrio economico delle associazioni culturali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1626

ABRUZZO. Il consigliere di An Castiglione si dice fortemente contrario alla «politicizzazione della cultura». Sarebbe sconcertante l’istituzione di un fondo speciale per il riequilibrio economico patrimoniale delle associazioni in difficoltà. Un modo diverso per riproporre finanziamenti a pioggia alla “cultura amica”. Ad una associazione dell'Aquila sono andati 500mila euro.
Se gli anni scorsi il centrosinistra aveva fatto ferro e fuoco per combattere «l'ignobile gioco dei finanziamenti a pioggia» alle associazioni culturali che garantivano un vero e proprio serbatoio di voti sicuri, una volta sugli scranni del potere il centrosinistra sembra non comportarsi poi in maniera così diversa…
Lo spettacolo dunque è lo stesso di sempre con la variante di avere i ruoli invertiti.
«Se da una parte la maggioranza ulivista ritiene di non dover rifinanziare la lotta all'usura (passando dai 300.000 euro dello scorso anno ai miseri 100.000 previsti nel bilancio 2006), dall'altra si propone l'istituzione di uno stravagante quanto misterioso fondo annuale (di oltre un milione di euro) per “il riequilibrio economico – patrimoniale di Enti e Associazioni culturali” in difficoltà» dice Alfredo Castiglione.
«Sorprende», continua, «come, dopo averle saccheggiate e taglieggiate in sede di bilancio, adesso la maggioranza di sinistra scopra i problemi delle associazioni culturali».
Misteri ed ombre graverebbero sui criteri di assegnazioni di questo che pure sembra essere un fondo cospicuo e ricco. La disciplina sarà resa pubblica entro 60 giorni. Eppure…
«Questo non ha impedito di prevedere in via straordinaria», spiega Castiglione, «alcune (pochissime) associazioni da beneficiare sin da subito – sempre grazie a questo fondo - ancora prima di aver fissato i criteri generali di assegnazione (roba da pazzi! per non dire altro). Il più cospicuo di questi contributi “pronto cassa” salta agli occhi: 500.000 euro, ovvero cinque volte di più di quanto è previsto per la lotta all'usura, ed è per l'Accademia Internazionale per le Arti e le Scienze dell'Immagine, presieduta – neanche a dirlo - dal parlamentare diessino Massimo Cialente e diretto da Annamaria Ximenes, altra esponente di spicco del partito di Fassino».
E per il 2006 «sono concessi in via straordinaria» anche contributi per 150mila euro all'Istituzione Sinfonica Abruzzese, 200mila euro all'Accademia musicale pescarese e altri 200mila al Liceo musicale “G. Braga” di Teramo.

L'enorme finanziamento è stato paragonato dal consigliere regionale di An ad un «pozzo di San Patrizio» nel quale «la Regione Abruzzo ha già versato centinaia e centinai di milioni, senza evidentemente risolvere alcunché, se ora c'è bisogna di destinargli un altro miliardo di vecchie lire per un “riequilibro economico – finanziario” difficile da trovare».

02/08/2006 12.59