Giansante: «Caporale troppo animalista poco "umanista"»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2299

AGGIORNATO 4-8-2006PESCARA. La polemica è sollevata dalla associazione “la Radice” dopo la notizia della aggressione al Comune di Chieti del consigliere dei Verdi, Walter Caporale. Secondo il sodalizio culturale ci sarebbe una evidente e stridente sproporzione tra i temi degli animali e quelli delle categorie svantggiate (anziani e disabili). Dura la replica del consigliere regionale dei Verdi.
«Caporale diventa sempre più impopolare, succede al consigliere regionale animalista fortemente proteso alla difesa del cane e poco dell'uomo».
Ad attaccare l'esponente più noto degli animalisti in Abruzzo è Mattia Giansante presidnete della associazione “La Radice” dopo la notizia della aggressione al comune di Chieti da parte del delegato al randagismo dell'ente.
«I cittadini sempre più angosciati dagli eventi e dalle difficoltà quotidiane, non ne possono più degli animalisti che, non si può negare, hanno davvero “scocciato”», sostiene Giansante, «tutti i problemi della gente in difficoltà, degli anziani sempre più soli, dei disabili sempre più confinati nei loro recinti sono diventati insignificanti rispetto ai cani. Ad essi tutta l'attenzione delle istituzioni, della stampa, delle associazioni e dei padroni protagonisti in cerca di una intervista, il massimo se su una rete nazionale. Perfino un autobus affittato con tanto di volontari per portare al mare i cani; la tipa in spiaggia che si picca con l'intervistatore e gli spiega di non essere la padrona ma la mamma naturale».
Secondo l'esponente della associazione culturale anche gli enti locali sarebero «tutti in riga soggiogati dalla paura di finire nelle mire delle potenti associazioni animaliste. Politici e politicanti sempre attenti a cogliere il momento per cavalcare il tema dei cani».

«Vi sono città in cui è vietato l'accesso nelle piazze e vie centrali ad anziani e disabili in condizioni di difficile deambulazione per via dell'interdizione alla circolazione dei loro veicoli che, in concreto, rappresentano la carrozzina di chi si regge in piedi non a lungo», denuncia Giansante, «Mentre non vige alcun divieto, in queste grandi aree pedonali, all'indecoroso spanciamento dei cani cosiddetti randagi ben curati e nutriti e alle loro manifestazioni animalesche.
E guai a reclamare senza rischiare la proscrizione. La gente non gode di buona assistenza sanitaria, rischia il lavoro, è oberata di tasse, è nevrotica, impazzisce, uccide, si suicida, trucida, seziona i cadaveri, getta nei cassonetti i neonati, truffa, ruba, rapina, scippa, stupra, la giustizia non protegge, la burocrazia opprime, la droga dilaga, la prostituzione aumenta, poi magari arriva l'indulto e finisce tutto all'Italiana. In galera se dai un calcio ad un cane che tenta di azzannarti o fa la cacca sulla soglia del tuo portone, libertà per i delinquenti».

31/07/2006 9.53

LA RISPOSTA DI WALTER CAPORALE

«Il solerte Giansante purtroppo non legge frequentemente i quotidiani abruzzesi o non ha tempo di visitare il mio sito Internet – www.waltercaporale.it -: gli sfugge che da sempre mi occupo soprattutto dei più deboli della società, e non soltanto di animali. Forse, quindi, non conosce tutto il mio lavoro che include, tra le tante altre battaglie a difesa di anziani e bambini, di detenuti, di un ambiente sano e non inquinato, una mia Interpellanza per l'adeguamento delle spiagge abruzzesi affinché siano fruibili dai disabili. L'Assessore regionale Enrico Paolini a seguito di questa mia richiesta ha invitato a tutte le regioni italiane – ed i Comuni abruzzesi - ad adeguare le spiagge alla fruibilità dei disabili, realizzando passerelle per poter permettere l'accesso fino al mare.
Al signor Giansante probabilmente è anche sfuggito che mi sono battuto – con successo - affinché non venissero tagliati i fondi alla Croce Gialla di Lanciano, che ha acquistato una autoambulanza per il trasporto dei disabili; così come, senza clamore, sono intervenuto a difesa di una bambina autistica alla quale il Comune di residenza negava i fondi per il trasporto nel Centro di riabilitazione…Per non parlare della Giornata dell'Olocausto che ho voluto fare ricordare nei mesi scorsi in Consiglio regionale….Per non tediare i lettori arrivo al mio ultimo impegno: questa mattina ho depositato una Risoluzione Urgente al Consiglio Regionale, in cui chiedo di fornire ai diversamente abili un nuovo contrassegno dotato di “bollino olografico”, affinché si renda più difficoltosa la contraffazione dei permessi di circolazione e sosta da parte di chi non è disabile ma occupa vergognosamente i posti auto loro assegnati…..
Mi batto da sempre per la salute di tutti i cittadini, anche di quelli che sono sempre più “angosciati dagli eventi a dalle difficoltà quotidiane”, perché ancora una volta al signor Giansante sfuggono i miei ripetuti appelli alla Giunta regionale e a tutte le Amministrazioni Pubbliche affinché si impegnino concretamente per la salute dei cittadini, che si concretizza con politiche di sviluppo di fonti rinnovabili – ho di nuovo presentato due Emendamenti alla Variazione di Bilancio regionale 2006 in discussione in questi giorni – e non inquinanti e per la promozione di raccolta differenziata, recupero e riciclaggio per evitare di dover costruire inceneritori e discariche, cancerogeni e pericolosi per la nostra salute.
Orazio scriveva : “La crudeltà sugli animali è il tirocinio della crudeltà sugli uomini”, ed il signor Giansante dovrebbe leggere più attentamente la storia dell'uomo, piuttosto che utilizzare la mia figura politica e da animalista per tentare invano di divenire popolare.
Concludo ricordando le parole di Papa Giovanni Paolo II "Gesù amava molto gli animali: noi dobbiamo riscoprire il volto amorevole di Dio verso tutte le Creature".. E mi fermo qui, evitando di annoiarlo con frasi altrettanto significative, a difesa degli animali, di Papa Paolo VI e di Papa Giovanni XXIII.......Forse Mattia Giansante le riflessioni di questi Pontefici a favore degli animali, così come anche di Gandhi, di Martin Luter King eccetera, le può cercare: potrà imparare molto da chi ha difeso tutti gli umili della Terra: uomini e animali.

Walter Caporale
04/08/2006 15.00