«Come si intende risolvere il problema dello smaltimento dei pneumatici?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1323

L’AQUILA. I Verdi hanno proposto una interrogazione all’assessore Caramanico per conoscere le intenzioni della Regione su una materia che riguarda molto da vicino costi e ambiente. LA NOSTRA INCHIESTA: LA POLITICA DELLA SPAZZATURA
«Il costo per lo smaltimento dei rifiuti speciali è notevolmente più alto nelle regioni settentrionali, rispetto a quello praticato nella Regione Abruzzo, per cui quelli prodotti in Abruzzo, in particolare i pneumatici fuori uso, si trovano in una situazione di mercato svantaggiosa, comportando serie difficoltà di smaltimento», - dichiara Walter Caporale, Capogruppo regionale dei Verdi - «Questa difficoltà comporta considerevoli svantaggi per l'industria locale di settore, e favorisce forme di microsmaltimento abusivo, con la formazione diffusa di detrattori ambientali anche in aree di pregio».
Considerato che lo spirito della normativa di settore tende ad assicurare in primis l'autosufficienza territoriale per ogni singola categoria di rifiuti, i Verdi chiedono, con una interrogazione all'Assessore Regionale all'Ambiente, Franco Caramanico, di sapere come l'Abruzzo intende perseguire l'obiettivo di limitare lo smaltimento all'interno del suo territorio di Rifiuti Speciali provenienti da fuori regione.
Nella sua interrogazione, Walter Caporale chiede inoltre di sapere come la regione intende assicurare prioritariamente lo smaltimento dei Rifiuti Speciali, ed in particolare dei Pneumatici Fuori Uso, prodotti in regione.
«I Verdi abruzzesi» - dichiara il Presidente Regionale dei Verdi, Mario Camilli - «auspicano un rapporto sempre più stretto, proficuo e ambientalmente corretto fra l'industria del recupero e il territorio in cui essa è collocata. I vantaggi di posizione in questo caso sono non solo ammissibili, ma necessari per poter competere con la concorrenza improntata esclusivamente alle leggi del libero mercato. E' questo del resto l'obiettivo della raccolta differenziata su cui anche l'Abruzzo deve investire per evitare di essere sommersi da discariche e rifiuti, mirando ed investendo finalmente alla realizzazione della filiera del riciclo».

08/06/2006 8.24