San Salvo, l’opposizione stufa scrive ai cittadini: «occorre capire»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1174

SAN SALVO – I rappresentati dei partiti dell'opposizione della cittadina adriatica, ovvero di Forza Italia, AN, UDC, L'arco, Impegno per San Salvo e del Nuovo Psi, hanno inviato una lettera ai propri concittadini dai toni abbastanza critici nei confronti dell'attuale amministrazione di centrosinistra.
«Lo spettacolo al quale assistiamo a San Salvo da diversi anni», si legge, «di una città stravolta da numerose opere pubbliche inutili o sbagliate, si sta drammaticamente completando con i lavori alla fontana della villa comunale e di ristrutturazione del cimitero. Siamo fortemente preoccupati per il futuro, soprattutto dei giovani, in quanto l'Amministrazione di centro-sinistra, che governa questo Comune da quasi 20 anni, ha così assestato colpi mortali ad alcuni settori economici importanti della nostra città, come il commercio, il turismo, la scuola e i servizi, la cultura, per riparare i quali occorrerebbero diversi anni e somme cospicue che sarà difficile reperire. Pensiamo allo sperpero di denaro pubblico per realizzare il parcheggio coperto di via Montegrappa, mai utilizzato. A ciò che è costato la Porta della Terra, edificio avulso dalla realtà urbana del centro storico. Alla piazza San Vitale, che nonostante le buone proposte di tutte le opposizioni, è stata penalizzata nella fruibilità dalle aree archeologiche all'aperto, dall'insignificante fontana, dalla tettoia sugli scavi senza alcun beneficio per le attività commerciali e artigianali e per gli studi dei professionisti. Inoltre», scrivono ancora i consiglieri di opposizione, «ci sono zone nel centro storico di San Salvo lasciate nell'abbandono e nel degrado, in conseguenza del fallimento di un piano di recupero che non ha saputo cogliere le opportunità offerte dal patrimonio architettonico esistente e dalla possibilità di sfruttarlo a vantaggio degli imprenditori e dei residenti. E' la conseguenza di una maniera di programmare lo sviluppo urbano e di realizzare i lavori pubblici basata su pressappochismo nell'analisi della realtà e delle risorse, assenza di dibattito con i cittadini, superficialità nella progettazione, approssimazione nella scelta dei materiali e nella esecuzione. La villa comunale ne è una dimostrazione chiara ed inequivocabile!».
Per concretizzare questi intenti, i rappresentati delle opposizioni organizzano, nel pomeriggio di sabato prossimo 27 maggio, un incontro con la cittadinanza presso la villa comunale di San Salvo, nel corso del quale saranno resi noti i costi dei lavori pubblici e di altre opere realizzate dal Comune e sarà allestita una mostra fotografica che permetterà una sorta di “visita guidata alla nuova villa”.

Francesco Bottone 24/05/2006 15.15