Popolazione in percentuale: «cani al 20,5% e votanti Udeur 1,27%»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2009

PESCARA. Continua la bagarre tra animalisti e giovani Udeur. Oggi l’ennesimo scontro e scatta la provocazione: «In città più nuclei familiari con un cane che vostri elettori».
Dopo che Mattia Giansante, portavoce dell'Associazione Culturale “La Radice” e dei giovani Udeur, aveva “osato” fare due calcoli su cani randagi e spese del Comune anche gli animalisti gli si sono rivoltati contro, con tanto di cani…attenzione…
«Giansante ha suggerito di investire meglio il denaro pubblico», ricordano oggi gli animalisti, «e, ai pescaresi che vivono con un cane di fare quotidianamente “gite fuori porta” tese al soddisfacimento delle “esigenze ginniche di entrambi».
Consigli alternativi, non c'è dubbio, che poco sono piaciuti a padroni e animali domestici.
«Se la matematica non è un'opinione», ribattono oggi i firmatari della protesta, «i cittadini interessati alla questione sono ben oltre i 181 firmatari della richiesta di incontro ma considerando per ogni cane il nucleo familiare di riferimento e non solo chi ne detiene la titolarità, la percentuale si attesta intorno al 20,5% di contro, quella rappresentata dal giovane Udeur è del l'1.27%, considerati i risultati delle ultime consultazioni politiche, dove nella città di Pescara ha racimolato solo 1.060 preferenze. Se ne deduce che il Giansante, rispetto al popolo degli “amanti degli animali”, è in netta minoranza!»
Gli animalisti si domandano se «il giovanotto dell'Udeur», non abbia «null'altro da fare che occuparsi dei cani e farneticare conteggi ipotetici». Ma aleggia anche un sospetto: «forse che questa sterile polemica cela un disegno preciso per un attacco strumentale all'attuale amministrazione? Visto però, che non è nuovo a brutte figure in matematica, gli suggeriamo un corso accelerato di aritmetica. Una cultura cinofoba»,
continuano gli animalisti, «che nasconde ben altre intolleranze inespresse, non
giova al giovane Udeur, non giova alla crescita di civiltà che questa città si è
proposta e vuole perseguire».

LA RISERVA DANNUNZIANA A MISURA DI CANE
  GIANSANTE

DENUNCIA LA SPESA DEL COMUNE: «420 MILA EURO ANNUI»
 

IL COMUNE REPLICA «NE SPENDIAMO 81»
 


19/05/2006 10.05