Chieti. Aggiungi un posto a tavola che c’è un assessore in più

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

822

CHIETI. La denuncia che arriva oggi da Rifondazione Comunista è quantomeno allarmante. Gli esponenti politici dell'emiciclo, secondo il partito di estrema sinistra, sarebbero all'affannosa ricerca della poltrona giusta dove accomodarsi, e dove non ce ne siano di vuote, propongono di aggiungerne altre.
«Abbiamo assistito sconcertati», spiegano Riccardo Di Gregorio, segretario Circolo “Migliori” e Fabio Stella, segretario circolo “Impastato”, «agli incalzanti appelli di vari esponenti politici che chiedono, a gran voce, assessori o nuove deleghe».

Tra le richieste avanzate, senza vergogna, ci sarebbero anche una «ridistribuzione più funzionale» delle deleghe, nuovi assessori «senza chiarire, a distanza di mesi, la propria posizione e giocando così ad una ambiguità di fondo».
Ci sarebbe anche chi «chiede un ruolo in giunta addirittura senza aver appoggiato il Sindaco Francesco Ricci al primo turno e neanche nella successiva approvazione del programma amministrativo».
Rifondazione Comunista denuncia e si dissocia da questo modo di agire: «Non sono questi i problemi che i cittadini ci chiedono di risolvere. Come Partito non riteniamo sia necessario l'allargamento della Giunta Comunale che, al contrario, alcuni partiti di maggioranza prospettano come “esigenze politiche” per salvaguardare la coalizione».
Il partito rifiuta quindi a chiare lettere l'equazione «più assessori , migliori servizi» e mette in luce per l'ennesima volta la situazione ereditata dalla precedente amministrazione. «Le condizioni di emergenza in cui versava il Comune ha costretto gli assessori comunali a rincorrere le urgenze limitando la possibilità di attuazione del Programma con il quale il Centro Sinistra ha vinto le ultime elezioni».
A distanza di nove mesi arriva anche un ammissione, con debite scusanti: «riteniamo che fino ad oggi l'operato della Giunta non possa essere valutato in quanto la prima vera programmazione avverrà con il Bilancio di previsione che , nelle prossime settimane , sarà varato ed approvato in Consiglio Comunale».
25/01/2006 12.02