E' Di Giuseppantonio il capolista al Senato per la Dc

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

802

E' stato presentato questa mattina dal dirigente nazionale della Democrazia Cristiana Giampiero Catone il capolista della DC al Senato per le prossime elezioni politiche, Enrico Di Giuseppantonio.
Catone ha sottolineato l'impegno della squadra regionale della Democrazia Cristiana che intende lavorare per le autonomie – come recita il simbolo del partito – e dunque candidare al Parlamento esponenti di prima linea del territorio.
Il punto di forza delle liste della DC saranno le candidature esclusivamente di abruzzesi che sono impegnati per rilanciare l'Abruzzo nel panorama politico nazionale.




«Abbiamo scelto Enrico Di Giuseppantonio quale punta di diamante – ha detto Giampiero Catone alla stampa – e contiamo sulla sua figura politica per rappresentare l'Abruzzo al Senato».
La Democrazia Cristiana alla Camera si presenta con lista
autonoma con il proprio simbolo, mentre al Senato i candidati democristiani saranno inseriti nelle liste di Forza Italia (nell'ambito del progetto del Partito Popolare Europeo).
«Sono felice di aderire ad un grande progetto politico per questa regione e per l'Italia», ha detto Di Giuseppantonio, «un progetto nuovo, che affonda le sue radici nella solida tradizione democristiana. Una rinascita, che intende portare una ventata di freschezza e di entusiasmo nel panorama politico attuale. Energia, vitalità e forza per dare all'Abruzzo nuovo vigore e nuova speranza.
Abbiamo vive nella memoria le importanti imprese che la nostra regione è riuscita a condurre in passato, grazie al lavoro di uomini politici di grosso calibro che ci hanno proiettato tra le regioni del Paese più progredite e più rispettate. Ho scelto per questo motivo di tornare all'essenza della politica, con quella passione e quell'entusiasmo che animava il movimento giovanile della Democrazia Cristiana di cui sono stato dirigente nazionale.
E' venuto il momento di riprendere le fila del discorso lasciato in sospeso anni fa».
16/01/2006 18.45