Roselli: «Professionalizzare uffici stampa di Consiglio e Giunta»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1111

«Dopo 31 anni dalla legge istitutiva degli Uffici Stampa del Consiglio e della Giunta regionale è diventato ormai improcrastinabile il varo di una nuova legge che professionalizzi le due strutture, prevedendo una riorganizzazione al passo con i nuovi tempi imposti da una informazione sempre più globalizzata».
Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale, Marino Roselli, a margine di un incontro tenutosi a Palazzo dell'Emiciclo e da lui promosso - con l'Assostampa, l'Ordine dei Giornalisti, i Presidenti della Prima e Seconda Commissione consiliare e con le organizzazioni sindacali della CGIL, CISL, UIL e UGL - per un confronto sul progetto di legge: “Modifica e integrazione alla Legge regionale n. 22 del 15 marzo 1975 recante: Disciplina degli Uffici Stampa del Consiglio regionale e della Giunta regionale e successive modificazioni”.
«L'incontro è stato positivo e proficuo, pertanto auspico - ha detto ancora il Presidente Roselli - che il progetto di legge venga licenziato dalle Commissioni competenti in tempi rapidi, così da poterlo portare al più presto in Consiglio per l'approvazione definitiva. Sono convinto - ha concluso Roselli - che l'immagine di una Istituzione e il lavoro di un governo regionale possano e debbano essere garantiti attraverso un' informazione puntuale e altamente professionalizzata».

Puntualità e professionalità che purtroppo PrimaDaNoi.it non è riuscita ad incontrare e valutare poiché dopo numerose sollecitazioni l'ufficio stampa di Giunta e Consiglio, dopo quattro mesi, non è ancora riuscito a mandarci il primo comunicato stampa.
Ma noi siamo fiduciosi che il 2006 riuscirà a sorprenderci.
29/12/2005 12.12