Scambio di accuse per l'ostruzionismo fisico in Commissione bilancio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

801

«Ai consiglieri regionali di minoranza è stato impedito di illustrare gli emendamenti alla legge di bilancio in esame, oggi, della apposita Commissione».
Lo hanno dichiarato i Consiglieri di minoranza che hanno partecipato ai lavori della prima Commissione Bilancio, presieduta dal Consigliere Angelo Orlando «che ha negato - si legge in una nota – il diritto ai suoi colleghi di minoranza di illustrare gli emendamenti proposti. I Consiglieri di opposizione hanno chiesto l'intervento del Presidente del Consiglio e della Giunta per il Regolamento per dirimere la questione che ha provocato la sospensione dei lavori».
E' la replica alle accuse di ieri su insulti e “ostruzionismo fisico” in
commissione
bilancio alla regione finita in malo modo

I consiglieri del centro sinistra presenti in Commissione bilancio avevano denunciato l'atteggiamento intimidatorio del centrodestra durante i lavori pomeridiani. «Tutti i Commissari dell'opposizione», avevano dichiarato i presenti del centrosinistra, «si sono distinti per una violenta aggressione nei confronti del Presidente della Prima Commissione Angelo Orlando. Addirittura un consigliere di centrodestra ha distrutto l'impianto di registrazione».

I consiglieri di maggioranza presenti in Commissione: Macera, Di Stanislao, Melilla, La Morgia, Cesarone, Mascitelli, Caporale e Boschetti.


I DS
Stefania Misticoni ha aggiunto: «Il centrodestra rinunci all'ostruzionismo su Bilancio e Finanziaria regionale, approviamoli entro il 31 dicembre con le opportune integrazioni possibili. In base ai dati Istat sulla situazione economica del Paese l'Abruzzo fa registrare il peggiore risultato d'Italia. Se a questi dati aggiungiamo il dissesto dei conti pubblici, con un indebitamento dell'Ente Regione triplicato in 5 anni, tutti gli abruzzesi possono facilmente rendersi conto dell'eredità pesantissima lasciata dal governo regionale di centrodestra. A ciò si aggiunge», continua Misticoni, «l'ultimo colpo inferto dai tagli scriteriati contenuti nella recente Finanziaria del governo Berlusconi, che hanno colpito in modo netto le Regioni e gli Enti locali. Di fronte a questa situazione, di vera e propria recessione, il governo di centrosinistra si appresta ad approvare un bilancio che cerca di riordinare i conti, raffreddare la spesa, ridurre drasticamente il finanziamento a pioggia, guadagnare tempo per riorganizzare e qualificare la spesa della Regione, a partire dalla sanità. Il centrodestra abruzzese, ha presentato migliaia di emendamenti, è arroccato in un atteggiamento ostruzionistico per impedire l'approvazione del bilancio entro la scadenza prevista dalla Legge, ossia il 31 dicembre 2005. La minoranza persegue un obiettivo politico, ma qual è l'interesse degli abruzzesi? Andare ancora una volta in esercizio provvisorio, o avere la certezza dello strumento finanziario?».

LA MARGHERITA.

«E' fin troppo evidente che il centro destra svolge il suo lavoro quando produce migliaia di emendamenti alcuni dei quali, certamente, di valore, altri assolutamente inutili e strumentali», DICE Camillo D'Alessandro, «Ci viene da chiedere, ad esempio, come mai le stesse cose che propongono non le abbiano realizzate nei cinque anni in cui hanno avuto la possibilità di farlo. Non si discute assolutamente il ruolo della minoranza, ma ci vuole la faccia tosta nel rivolgersi agli abruzzesi con sprezzanti polemiche e giudizi dopo aver lasciato la Regione allo sfascio economico e finanziario, dopo non essere mai riusciti ad approvare il bilancio entro i termini, dopo aver consentito ed alimentato l'impazzimento della spesa».


L'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, presiduto dal Presidente Roselli, ha convenuto sul contigentamento dei tempi della prossima seduta dell'Assemblea, prevista per martedì 27 dicembre alle ore 10.00. Secondo quanto stabilito, la discussione per l'approvazione della Finanziaria 2006 e della Legge di Bilancio dovrà completarsi entro le ore 18.30 del 30 dicembre. Da qui evidentemente gli attriti emersi.

23/12/2005 11.46