Italia dei Valori «Solo con le primarie il centro-sinistra vincerà».

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

822

LANCIANO. Punta i piedi il partito dell’Unione che subodora movimenti per metterlo da parte nella prossima corsa alle candidature tra comunali e politiche
«L'unico modo per raggiungere un coinvolgimento popolare massivo e partecipato è quello di adoperare lo strumento della Primaria, specie a Lanciano, ma in un'ottica del tutto diversa da quella finora intesa».
E' il portavoce dell'Italia dei Valori di Lanciano, Gian Luca Bellisario, a proporre il metodo democratico della scelta dei candidati.
«Pensiamo, infatti, che la primaria lancianese sia indispensabile, non solo per selezionare il candidato sindaco tra quelli già noti e decisi dai partiti», dice, «ma per rendere ogni cittadino protagonista reale della competizione elettorale. Ogni cittadino lancianese, infatti, attraverso la primaria, potrà raccogliere 100 firme e partecipare attivamente alla competizione elettorale, con una propria compagine politica, anche non partitica. Per questa ragione riteniamo indispensabile la primaria a Lanciano che, altrimenti intesa, sarebbe solo uno strumento per “farci fuori” vicendevolmente all'interno de “L'Unione”. Inutile ribadire, infine, che per IDV la “lottizzazione dei territori” attraverso il toto-sindaco, tra Vasto e Lanciano, è un gioco dei dadi che non fa onore né ai politici, né ai cittadini elettori: non siamo al mercato delle vacche. Che a Vasto si facciano o meno, a Lanciano, che è un'altra realtà, IDV chiede la primaria aperta a tutti i cittadini della società civile».

19/12/2005 14.00