«Giunta fantasma ma operosa propone incarichi esterni»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1456

E' ancora una volt aun attacco della minoranza a scandire il ritmo della politica nel capoluogo. La minoranza questa volta contesta una singolare decisione della giunta sospesa.
«La notte del 30 settembre scorso», raccontano i consiglieri Angelo Mancini(gruppoSdi) e Pierluigi Pezzopane (Gruppo La Margherita), «durante la seduta del Consiglio comunale, il Sindaco Biagio Tempesta, alla richiesta dell'Udc di colpire i responsabili dello sfascio finanziario, affermò lapidariamente: “Da domattina la Giunta è azzerata”. Si trattava di una dichiarazione ufficiale, resa dal Primo Cittadino nel corso dei lavori della suprema Assise civica, e dunque pienamente efficace. In realtà, come al solito, alle parole non sono seguiti i fatti e la “licenziata” Giunta non solo non è mai stata azzerata, ma il 6 ottobre, assente il Sindaco», denunciano ancora i consiglieri, «si è riunita per varare un provvedimento, proposto dall'assessore Placidi, intitolato “Indirizzi e direttive per la gestione del recupero dell'evasione fiscale e per la riscossione delle entrate tributarie e patrimoniali”».
In sostanza, la Giunta avrebbe proposto al Consiglio di affidare a una ditta esterna, da individuare attraverso una gara europea, il servizio connesso alla gestione e alla riscossione dei principali tributi (Tarsu, Ici, Cosap, Pubblicità e affissioni), mentre resterebbero all'Amministrazione Comunale le direttive, il controllo e la firma degli atti.
Si tratta di una proposta singolare, che contraddice la precedente volontà dell'Amministrazione di potenziare il servizio, anche mediante la già avvenuta assunzione di personale, e smentirebbe la volontà manifestata al termine del progetto di equità fiscale, di gestire direttamente tali servizi.
«Il progetto di equità fiscale», proseguono Mancini e Pezzopane, «aveva come obiettivo, infatti, la completa e dettagliata conoscenza del territorio, il recupero dell'evasione e la realizzazione del Sit (Sistema informativo territoriale), vero censimento propedeutico alla gestione diretta del servizio tributi da parte del Comune. Viene da chiedersi: se il servizio è stato potenziato anche con nuovo personale e il Sit realizzato è funzionante, perché ricorrere a un affidamento esterno?
Quali interessi», si domandano, «si nascondono dietro tale operazione? L'interesse pubblico è preservato? La gara per l'affidamento dell'incarico riserverà sorprese? Vogliamo solo sperare che le sortite moralizzatrici degli ultimi giorni non nascondano invece altri interessi». 17/10/2005 14.56