Prevista per oggi la sentenza sul ricorso alle elezioni regionali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

906

  L'AQUILA. E' prevista per oggi l'udienza per la discussione del ricorso presentato contro la ripartizione dei seggi in consiglio regionale. La geografia consiliare potrebbe cambiare con la sentenza.

 


L'AQUILA. E' prevista per oggi l'udienza per la discussione del ricorso
presentato contro la ripartizione dei seggi in consiglio regionale. La geografia consiliare potrebbe cambiare con la sentenza.


E' prevista per oggi l'udienza dinanzi al tar Abruzzo relativamente al ricorso presentato da alcuni candidati alle ultime elezioni regionali. C'è fermento e aprensione per la decisione che si attende entro la giornata. La geografia del consiglio comunale e l'assegnazione dei seggi potrebbe essere rivista anche parzialmente.
Il coordinamento regionale del Movimento Idea Sociale con Rauti intanto ne approfitta per esprimere grande fiducia sull'esito della controversia amministrativa.
« Si ricorderà», si legge in una nota del partito, «infatti, che a fronte dei 446.407 riportati dal centro sinistra (58%) e dei 311.547 riportati dal centro destra (41%) l'ufficio elettorale centrale aveva attribuito il 67,50% dei seggi alla maggioranza (27 su 40) contro il 32,50% dei seggi alla minoranza (13 su 40). Tale erroneo calcolo, in gran parte derivante del completo ingresso in Consiglio degli otto componenti del listino di centro sinistra, si pone in contrasto con l'art. 15 ella Legge 108/68 laddove tale "premio di maggioranza" non dovrebbe assegnarsi a chi ha ottenuto consensi tali da garantire la governabilità».
«L'aspetto, però, più rilevante - a detta del Vice Segretario Nazionale del Mis, Maurizio Dionisio, - è che il completo riequilibrio in consiglio dovrebbe passare attraverso l'assegnazione al centro destra di ben cinque seggi, e ciò comporterebbe l'ingresso in Consiglio Regionale del lancianese Nicola Fosco, candidatosi con le liste rautiane alle elezioni regionali scorse».
Il primo dei motivi di doglianza - avanzato nel ricorso dall'avvocato Francesco Carli del Foro di L'Aquila nell'interesse dell'ex consigliere regionale Marco Fanfani - prevede la sola "sottrazione" al listino di tre seggi che andrebbero in favore del centro destra, mentre il secondo motivo di ricorso (accredidato di un notevole supporto dottrinario e in parte giurisprudenziale) prevede l'assegnazione al centro destra di 18 seggi in luogo degli attuali 13, e in questo caso è ipotizzabile l'ingresso del rappresentante missino attuale 5° dei non eletti.
«Il coordinamento regionale del MIS con Rauti», conclude la nota, «quindi, auspica fortemente il riconoscimento di una seggio regionale alla propria formazione, considerato anche il valore, l'esperienza e la determinazione che ha da sempre contraddistinto l'operato dell'ex Sindaco di Lanciano Nicola Fosco». 12/10/2005 8.40