Ricorso per la nomina di Gaetano Basti: «non ha competenza specifica»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2771

E' guerra aperta tra le varie componenti del Partito dei Verdi in Abruzzo. Ancora non si sono sopite le polemiche per la vicenda di una nomina non prevista in organico, che ha visto privilegiato un compagno di partito dell'attuale direttore generale Gaetano Basti – con relativo interessamento della magistratura penale – che un'altra tegola si abbatte sulla testa del Segretario Regionale del partito del Sole che ride.
E' stata, infatti, proposta innanzi al TAR Abruzzo un ricorso, con richiesta di sospensiva immediata, contro la nomina di Basti effettuata con delibera di giunta regionale il 27 Luglio scorso.
Il Ricorrente risulta essere Giovanni Damiani, ex assessore, per un breve periodo, della Giunta Falconio ed ex leader in Abruzzo dei Verdi. Damiani, infatti, dopo la breve parentesi regionale, fu chiamato a Roma dall'ex ministro Edo Ronchi per ricoprire il prestigiosissimo ruolo di direttore generale dell'Anpa, l'Agenzia nazionale di protenzione ambientale.
Durante lo svolgimento dell'incarico ministeriale Damiani – laureato in biologia – si è distinto per le sue competenze in materia ambientale e per il contributo reso negli studi in materia di bonifica dei corsi d'acqua.
Alla base del ricorso, infatti, c'è proprio l'alta competenza maturata da Damiani alla guida dell'importante ente nazionale, che non sarebbe stata tenuta in considerazione dalla giunta regionale troppo impegnata a rispettare un "patto elettorale" contratto con il segretario regionale abruzzese dei Verdi.
Uno scontro, insomma tra competenze professionali e politica – Basti è insegnante di matematica, senza esperienze specifiche – la cui soluzione è stata demandata alla magistratura amministrativa, che se ne occuperà nei prossimi giorni.
Altro motivo di eccezione alla validità della delibera di giunta risiede nel difetto totale di motivazione nella scelta di Gaetano Basti alla direzione dell'ARTA, considerato, anche, il diverso peso dei curricula dei candidati. 5/10/2005 15.07