Febbo: «anche senza i voti di Fli il Pdl resta in piedi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2487

Febbo: «anche senza i voti di Fli il Pdl resta in piedi»
 ABRUZZO. Maggioranza Chiodi nelle mani degli esponenti regionali di Fli? L'assessore all'Agricoltura Mauro Febbo (Pdl) nega: «non è così».

Il Pdl ha bisogno o no del supporto e dal sostegno dei finiani? I consiglieri 'emigrati' Nasuti, Stati e Rabuffo rappresentano l'ago della bilancia?

Febbo parla di «fantasiose analisi politiche» riferendosi a quanto letto nei giorni scorsi su PrimaDaNoi.it e ridimensiona il ruolo dei consiglieri usciti dal Pdl.

Dopo giorni di estenuanti trattative, minacce di dimissioni, dichiarazioni al vetriolo, Febbo tenta di ristabilire un ordine e chiarisce che anche senza Fli il governo Chiodi sta in piedi ed è solido perchè il Pdl ha forza a sufficienza per camminare da solo.

«In Consiglio regionale l’esito del voto sul Bilancio è finito con un 26 a 11 e tra le preferenze della maggioranza c’erano solo due consiglieri appartenenti a Fli. In caso contrario l’esito sarebbe comunque stato favorevole al Pdl con 24 voti e al massimo 13 contrari».

Secondo Febbo i voti di Futuro e Libertà sarebbero quindi ininfluenti, anche se Chiodi li ha definiti importanti e anche se i colloqui tra il senatore Di Stefano ed il presidente Chiodi con Toto e con Nasuti proprio per convincerli a votare sì siano stati continui.

L'assessore si concentra quindi sul perché «mancassero ben 7 voti tra i banchi della minoranza. Proprio uno degli assenti è passato in queste ore tra le fila della maggioranza» e sospetta che all’interno dell’opposizione «ci sia qualche altro mal di pancia»

Febbo respinge anche i bilanci politici che vorrebbero Fli in crescita e azzarda un pronostico: «in provincia di Chieti non si può fare a meno del Pdl, che ha dimostrato, a suon di numeri, di essere il primo partito con oltre il 40% dei consensi. Penso proprio che in occasione dei prossimi commenti sulle sorti del partito che rappresento si dovrà tenere conto anche di questo».

Nessuna smentita, invece, sulle richieste di Fli che sono quelle: sanità, infrastrutture, enti strumentali, piano sanitario. I voti di Fli non servono? Chiodi pensa il contrario.

 05/01/11 10.17