Centri autistici a rischio chiusura. Ruffini: «pronta una proposta di legge»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1751

L’AQUILA. “Centro  Primavera”, Fondazione  “Anffas onlus”, “Ceis”, Fondazione  “Il Cireneo”.

Sono  questi alcuni dei centri per ragazzi autistici che rischiano di chiudere per mancanza di finanziamenti. Lo ha detto Giovanni Pace, ex presidente della Regione, in una lettera- appello dai toni struggenti a Gianni Chiodi e lo ha ribadito con meno patos ma altrettanta intensità, il consigliere regionale del partito democratico, Claudio  Ruffini che  presenterà  una proposta di legge.

«Che fine ha fatto», si chiede Ruffini, «la risoluzione votata all’unanimità dal Consiglio regionale il 20 settembre scorso che auspicava proprio l’accreditamento provvisorio di queste strutture, dopo un incontro di condivisione con la subcommissaria Baraldi? Sono passati due mesi e nulla è stato ancora presentato dalla maggioranza, nonostante le nostre continue sollecitazioni».

A fatica, poi,  sarebbero stati stanziati gli importi 2011 per gli Enti.  Per La Fondazione “Il Cireneo”  sono stati stanziati 178.280 euro  che la Asl di Chieti dovrà ancora integrare, così come per il Centro Primavera(Asl Teramo) sono stati previsti 516.456 euro, per a fondazione “Anffas onlus” 300.000 euro, per il Ceis 250.600 euro;  ma tutto questo non basta a scongiurare una possibile chiusura delle strutture.

«Nel 2012», conclude Ruffini, «questi centri rischiano di chiudere  se la Regione non sanerà finalmente una inadempienza di circa dieci anni che ha negato ad oggi la stabilizzazione di servizi che rientrano pienamente nei livelli essenziali di assistenza che il servizio sanitario regionale deve coprire. Mi auguro che il Consiglio stesso approverà al più presto la proposta di legge che presenterò come del resto si era impegnato a fare già dal 20 settembre scorso».

Stesso appello è quello di  Giovanni Pace. «Caro Gianni Chiodi », si legge nella lettera indirizzata al presidente della Regione, «fa un regalo ai bambini autistici. Assicurami che non è vera la notizia che mi è arrivata e che la tua Giunta non permetterà la chiusura dei centri di L’Aquila, Lanciano e Vasto (Marina e Paese) ove sono ospitati, assistiti e riabilitati quei ragazzi sfortunati. Fa che una settantina di operatori in quelle strutture, non debbano buttare alle ortiche la loro professionalità riconosciuta e apprezzata».

21/11/2011 18:47