Roselli: «Consiglieri abruzzesi i più poveri d'Italia»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1565

Roselli: «Consiglieri abruzzesi i più poveri d'Italia»
ABRUZZO. « Il consiglio regionale d'Abruzzo è all'avanguardia grazie alla Statuto ha autonomia organizzativa e patrimoniale e i nostri consiglieri sono quelli che guadagnano meno di tutti gli altri in Italia», parola di Marino Roselli, presidente del Consiglio Regionale. POLEMICHE E DECISIONI SU INDENNITA' E PORTABORSE
Secondo i dati riportati su giornali nazionali e locali, l'Abruzzo si colloca al 12° tra le regioni che retribuiscono in maniera più elevata i consiglieri con indennità pari a 197.500 euro.
Per il presidente del consiglio Roselli, però, la classifica non sarebbe corretta: «noi siamo al 18° posto perchè a differenza di altre regioni, il consiglio regionale paga anche 40 consiglieri e 6 assessori. Pertanto la spesa pro capite è pari a 171.739,13».
Roselli ha sottolineato, quindi, il costo dei consiglieri in Abruzzo «è fra i più bassi d'Italia» e ha sottolineato come la Regione Abruzzo «è attenta alla riduzione dei costi, grazie anche allo Statuto che ha limitato il numero degli assessori esterni (due al massimo), ha ridotto del 50% i consigli d'amministrazione degli enti, ha eliminato molte commissioni e diminuito i gettoni di presenza».
Intervenendo sulle sedi della Regione, Roselli ha fatto notare che «di fatto non ci sono costi».
Per quanto riguarda Pescara ha detto che la Regione aveva un fondo per l'ex Avicolo, nella zona dei Colli, e «si è cercato di non perderlo»,

Ma sembra che tutto questo non basti. Il prossimo passo sarà quello di abbattere del 10% le indennità di consiglieri e assessori regionali e ridurne il numero, sopprimere gli enti inutili e procedere alla fusione delle società partecipate dalle Regioni. Queste sono alcune delle misure previste nella Finanziaria 2007 e sulla cui applicazione da parte delle Regioni, nel rispetto della loro autonomia, ha chiesto una prima verifica il ministro per gli Affari regionali, Linda Lanzillotta, con una lettera inviata stamattina ai presidenti di Regione.


15/05/2007 9.05