Campagna elettorale, più manifesti abusivi per tutti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1007

MONTESILVANO. La campagna elettorale a Montesilvano è cominciata con la denuncia in procura di Sfl Innovazione per Montesilvano. Sembra che non tutti i partiti abbiano capito che per fare pubblicità elettorale bisogna comunque rispettare la legge.

«I comitati elettorali non possono esporre manifesti al di fuori delle proprie stanze, così stabilisce la legge», sbotta Marco Gradin, candidato sindaco di Sfl. Eppure basta fare un giro a Montesilvano in questi giorni di gran fermento politico per accorgersi che è tutto un pullulare di gigantografie in bella vista anche su balconi o cancelli di abitazioni private.
In più, secondo Sfl, «dal giorno stesso della istallazione degli spazi fino ad oggi, le forze politiche non hanno rispettato le posizioni assegnate. Adesso ci ritroviamo nell'impossibilità di affiggere i nostri manifesti, senza recare danno ad altri, poiché la numerazione è completamente sparita dietro i manifesti abusivi».
E poi ancora i furgoni, furgonci e furgoncioni usati per portare a spasso nella città i faccioni dei candidati «possono essere utilizzati solo ed esclusivamente se questi ultimi mantengono la loro funzione mobile e non parcheggiandoli per ore intere, se non addirittura giornate, in taluni punti strategici fungendo così da pubblicità statica e saltando furbescamente la limitazione della legge».
E pensare che tutti i candidati sindaci aveva promesso legalità…


TUTTI I CANDIDATI E LE LISTE
 11/05/2007 12.22