Porto di Vasto, via libera a potenziamento della banchina per 8,5 mln

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1071

VASTO. Si è conclusa ieri la conferenza di servizi relativa al progetto definitivo riguardante il finanziamento APQ per circa 8,5 milioni di euro, per il potenziamento del porto di Punta Penna. Nella riunione è approvata la proposta CO.A.S.I.V. per il riassetto complessivo delle opere da realizzarsi con i fondi indicati.
«Originariamente», ha spiegato il presidente del consorzio vastese Fabio Giangiacomo, «era previsto prevalentemente il potenziamento della banchina di ponente, la completa ristrutturazione del mercato del pesce, oltre che l'adeguamento e ristrutturazione della strada d'accesso alla zona portuale. Con la nuova gestione del
consorzio e la condivisione delle autorità comunale e regionale, già in sede di progetto preliminare si era individuata la necessità del potenziamento della banchina di levante, anche per eliminare il fenomeno della tracimazione in caso di mareggiate e per ampliare gli spazi, laddove in futuro potranno arrivare anche i binari ferroviari».
Sempre in quella sede si era chiesto ai tecnici di verificare approfonditamente la possibilità reale di ristrutturare il mercato del pesce.
Con la recente conferenza dei servizi dopo test e studi specifici e, dato il riscontrato stato precario dell'immobile citato, si è deciso di non sprecare risorse per quella struttura e di consentire, oltre al completamento della preventivata rete viaria, il potenziamento della banchina di levante che passerà da una larghezza di 25 m a quella di 55 m per tutta la sua estensione, per una misura complessiva di circa 10.000 mq di nuovo banchinaggio.
«E' stata comunicata la volontà di inserire nel progetto esecutivo», ha spiegato ancora Giangiacomo, «un ingresso autonomo per il Circolo Nautico, al fine di consentire maggiore sicurezza e maggiori spazi di banchinaggio sul molo di ponente. A tale intervento sarà data priorità assoluta nel cronoprogramma dei lavori, anche per rispondere alle esigenze imposte dal nuovo ruolo del Porto di Vasto quale casello delle autostrade del mare (R.A.M.). Per ciò che riguarda la tempistica dei lavori, si conta di andare in appalto nel prossimo autunno e di completare le opere nei successivi 18-24 mesi. Per quanto concerne il destino della struttura demaniale del mercato del pesce il CO.A.S.I.V. condivide l'ipotesi di un suo spostamento e ricollocazione, presupponendosi però, in ogni caso, la necessaria revisione del Piano Regolatore del Porto di Punta Penna già a buon punto di elaborazione».

09/05/2007 15.11