Ceramica di Castelli, una legge per la difesa e la valorizzazione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

840

TERAMO. Il consigliere regionale Paolo Tancredi ha presentato un Progetto di legge per la promozione e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale della produzione ceramica di Castelli.
Le qualità artistiche e culturali della ceramica castellana, contenute nel Museo delle ceramiche, sono riconosciute a livello nazionale ed internazionale, tanto da attrarre turismo ed economia nel Comune e in tutto l'entroterra teramano.
Il Museo delle ceramiche, restaurato nel 2004 con il finanziamento della Regione Abruzzo e dello Stato, custodisce ceramiche rinascimentali, vere e proprie opere d'arte uniche nel loro genere.
«Una gestione qualificata del Museo è doverosa», spiega Tancredi, «in quanto rappresenta il fulcro vitale dell'economia turistica dell'intero comprensorio». Poiché il piccolo Comune di Castelli non riesce con il proprio bilancio a finanziare le attività del Museo, il consigliere chiede l' intervento della Regione Abruzzo.
L'intervento, come spiega Tancredi sarebbe da estendere «anche al "Comitato organizzatore mostre ceramiche antiche e contemporanee" che, nato nel 2004 grazie a un gruppo di appassionati della ceramica e amanti della cultura della propria terra, ha organizzato mostre della ceramica castellana e ha tentato un inventario completo di tutte le opere della sua prestigiosa produzione». Prima iniziativa di rilievo del Comitato è stata la mostra delle ceramiche da farmacia a Teramo, a Castelli, e a Roma, Palazzo Venezia.
Per il prossimo futuro saranno esposte a Roma, Castelli e Teramo, 77 delle 84 opere presenti a Strasburgo in Italia: dal 31 maggio all'8 luglio 2007 nella Sala Regia di Palazzo Venezia a Roma, dal 14 luglio al 9 settembre 2007 nel Museo delle ceramiche di Castelli e, dal 13 settembre al 31 ottobre 2007 a Teramo.
Per il mondo della maiolica sarà un avvenimento eccezionale, perché per la prima volta potranno essere ammirate opere dei grandi maestri castellani rimaste sconosciute per secoli, che saranno riportate in un prestigioso catalogo.
L'importanza dell'iniziativa è stata oltremodo riconosciuta dalla firma di tutti i consiglieri regionali teramani, di centrodestra e centrosinistra.


07/05/2007 9.41