12° giorno di sciopero per Pio Rapagnà

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

812

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE). E' arrivato al 12° giorno lo sciopero della fame dell'ex parlamentare Pio Rapagnà, portavoce del movimento Città per Vivere Unione degli Inquilini d'Abruzzo che si sta battendo per la riduzione del ridurre il numero ed i costi dei rispettivi Enti strumentali e delle consulenze esterne.
«Questa iniziativa», ha spiegato il diretto interessato e i suoi collaboratori che si stanno prestando per uno sciopero della fame collettivo a rotazione «nasce dalla nostra esperienza di lotta quotidiana per conquistare diritti sociali e migliori condizioni di vita».
«In Abruzzo», ha ricordato Rapagnà, «l'ammontare dei costi "indiretti" della politica può essere stimato dai 150 ai 200 milioni di euro ogni anno: con questi soldi pubblici si pagano gettoni, stipendi, emolumenti a un esercito di circa 3.500 tra amministratori locali, manager pubblici, consiglieri e consulenti di istituti, scuole, centri, autorità, commissioni, enti, agenzie, comunità montane, consorzi di bonifica, agrari e industriali, società miste».
Si è inoltre stimato che in Abruzzo ogni anno «si verificherebbero i seguenti risparmi: per riduzione di Enti strumentali, Presidenze, Direzioni e Consigli di Amministrazione 100 milioni di euro; per riduzione delle consulenze esterne 30 milioni di euro; per riduzione degli importi gettoni di presenza organi elettivi e delegati 10 milioni di euro, per un totale di 140 milioni di euro».
Inoltre, attraverso una effettiva lotta agli sprechi nella gestione dei servizi pubblici e delle reti, «si realizzerebbero importanti economie da parte di settori ed enti, come ad esempio:
Acqua 375 milioni di euro; Trasporti, Viabilità e Sicurezza stradale
285 milioni di euro; Sanità 465 milioni di euro; Raccolta rifiuti e discariche 235 milioni di euro; Tutela Ambiente e Territorio 190 milioni di euro; Comuni 160 milioni di euro; Province 245 milioni di euro; Regione 480 milioni di euro, per un totale di 2.435 milioni di euro».
Una delegazione sarà presente a L'Aquila nella giornata di martedì 13 marzo prossimo per assistere ai lavori del Consiglio Regionale.

12/03/2007 14.01