Il Comune: rimuovere le "palme" dalla spiaggia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1170

PESCARA. Via le palme dagli stabilimenti balneari. Il Comune ha emanato una direttiva urgente per rimuovere le “palme” (gli scheletri dei grandi ombrelloni che rimangono sulla spiaggia anche d’inverno) così come richiesto da alcune associazioni da molto tempo e che caratterizzerebbe una occupazione indebita del suolo del demanio per 12 mesi all’anno.
«Con tutte le emergenze che affliggono la città di Pescara, dai problemi per la sicurezza dei cittadini al degrado urbano sempre più diffuso, per arrivare al paventato pericolo di perdere l'opportunità di ospitare il reparto mobile della polizia di stato, sembra che la principale preoccupazione del Comune – alle porte della primavera - sia di far rimuovere le palme ai balneatori».
Si schierano contro il provvedimento Lorenzo Sospiri, presidente provinciale di Alleanza Nazionale, e Alfredo Castiglione, capogruppo di AN in consiglio regionale.
«Intendiamoci – spiegano gli esponenti di AN – siamo d'accordo con la necessità di difendere il valore paesaggistico delle nostre spiagge, ma pensare che tale valore aumenti facendo rimuovere le palme nei mesi invernali è più che altro frutto di una impostazione ipocrita ed ideologica per la quale gli imprenditori vengono considerati come nemici della città e non come risorsa per lo sviluppo della stessa, capace di creare lavoro e occupazione».
«Se davvero si ha a cuore il valore paesaggistico delle spiagge – si chiede Sospiri – perché non si fa in modo di approvare celermente il piano spiagge, così da poter abbattere le strutture, per di più abusive, che compromettono, queste sì, la visuale del mare? Perché ci si limita a guardare la pagliuzza e non la trave? Quella dei balneatori – sottolinea il presidente di AN – è una categoria sin troppo vessata, che senso ha costringerli a sostenere, a poche settimane dall'inizio della stagione turistica, ulteriori costi che inevitabilmente finiranno per gravare sugli utenti dei servizi che i balneatori offrono?».

07/03/2007 15.11