Distretti Asl, da 14 passano a 6

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1058

PESCARA. Garantita così la riduzione delle spese e i relativi costi di gestione dei vari distretti dislocati su tutta la provincia. Tutti i particolari sono stati rivelati ieri pomeriggio si è svolta presso la Sala San Cetteo del Palazzo di Città una nuova riunione del Comitato ristretto dei sindaci della Asl della Provincia di Pescara.
Nel corso della riunione il neo direttore della Asl, Antonio Balestrino, ha illustrato le linee salienti della bozza del nuovo atto aziendale, il documento programmatico di cui si doterà la Asl di Pescara. L'atto aziendale affronta in particolare il tema dell'organizzazione dei distretti, dell'affidamento degli incarichi professionali, e della budgetizzazione dei presidi. L'atto prevede la razionalizzazione dei distretti della Asl della Provincia di Pescara, che da 14 diventeranno 6, al fine di ridurre le spese e i relativi costi di gestione.
Quanto all'affidamento degli incarichi, l'atto prevede che con riferimento ad essi venga pienamente applicato il principio di trasparenza, «definendo altresì», si legge nel documento, «obiettivi precisi e misurabili che consentano una valutazione oggettiva del lavoro svolto dai dirigenti incaricati».
Il nuovo atto aziendale prevede anche la budgetizzazione economica dei distretti, in base a cui ad ogni distretto sarà assegnato un budget specifico che potrà utilizzare autonomamente e di cui sarà direttamente responsabile.
I singoli budget saranno determinati sulla base delle esigenze dei distretti e saranno adeguati di anno in anno a seconda dei risultati raggiunti.
il direttore Balestrino ha spiegato che l'atto aziendale è documento dinamico e fortemente innovativo per i principi che introduce.
«Si tratta – ha detto Balestrino – di una fotografia dell'esistente, che tiene conto anche di quanto previsto dalla normativa vigente a livello nazionale». Il presidente del Comitato ristretto, Luciano D'Alfonso, ha invitato i membri del Comitato a redigere, a seguito dell'esame dell'atto, un documento sintetico nel quale introdurre le proprie osservazioni.
Di tali osservazioni il Comitato ristretto terrà conto nella prossima seduta di venerdì 23 febbraio, quando l'organo approverà con il proprio parere formale il documento dell'atto aziendale presentato ieri dal direttore Generale Balestrino.

20/02/2007 11.13