Le nuove regole per lo smaltimento dei rifiuti approvate dalla giunta regionale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1044

La Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente, Franco Caramanico, ha stabilito gli indirizzi per gli enti locali e per le attività di controllo in relazione allo smaltimento, al trattamento ed al recupero di rifiuti urbani prodotti nella Regione.
Per quanto concerne, invece, i rifiuti speciali, il provvedimento approvato dà il via ad una sorta di operazione trasparenza.
«La legge regionale 83 del 2000», chiarisce l'assessore Caramanico, «disciplinava solo la mobilità dei rifiuti urbani provenienti da fuori regione. Con questo provvedimento, invece, è stato deciso che lo smaltimento, il trattamento ed il recupero di rifiuti urbani e di materiali di risulta della lavorazione degli stessi prodotti al di fuori della regione, in impianti localizzati nel territorio regionale, nonché le stesse attività relative ad impianti ubicati in altre regioni, venga autorizzato esclusivamente sulla base di apposite intese, convenzioni o accordi di programma tra i soggetti interessati».
Inoltre, le medesime attività, relative a rifiuti urbani ed a materiali di risulta, prodotti nella regione e provenienti da Ato (Ambiti Territoriali Ottimali) diversi, in caso di comprovata non autosufficienza di uno di questi, sono soggette ad accordi tra le Province territorialmente interessate, i Consorzi intercomunali ed i titolari e gestori degli impianti di smaltimento.
«In sostanza», ha spiegato l'assessore Caramanico, «si è trattato di colmare una lacuna razionalizzando il quadro di riferimento sui rifiuti urbani e puntando, al tempo stesso, sul pieno coinvolgimento delle amministrazioni provinciali. Per i rifiuti speciali, invece,» ha concluso l'assessore «la novità è rappresentata dalla creazione di una banca dati regionale nella quale dovranno essere indicati i quantitativi di import ed export dei rifiuti conferiti, con il contestuale obbligo, per le aziende operanti nel settore, di munirsi di specifica autorizzazione».
22/11/2005 15.18