Crisci (Ulivo),tre emendamenti per ridurre costi bancari e aumentare trasparenza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

563

ABRUZZO. Il deputato dell'Ulivo Nicola Crisci ha presentato alla Legge di Conversione del Decreto Legge n. 7 del 31/01/2007 "misure urgenti per la tutela dei consumatori" tre emendamenti.
Il primo prevede che «i tassi d'interesse delle Carte di Credito a pagamento differito non possono essere superiori al prime-rate ABI aumentato di tre punti», in un altro è previsto che «nei contratti di fideiussione relativi ad aperture di credito a tempo indeterminato deve essere indicata una scadenza definita non superiore a cinque anni dalla stipula», infine un emendamento rivolto sempre ai risparmiatori, che prevede che le banche «all'atto dell'apertura di contratti di deposito a risparmio nominativo e di conto corrente, nonché di contratti di deposito titoli richiedano all'intestatario le generalità delle persone a cui comunicare le coordinate del deposito nel caso in cui per due anni consecutivi dalla libera disponibilità delle somme e dei titoli non siano state compiute operazioni dal depositante o da suo delegato».
«Ritengo che questi emendamenti possano contribuire a meglio tutelare i diritti dei cittadini clienti delle banche italiane ed abruzzesi », ha commentato il deputato Crisci della Commissione Finanze. «Se approvati durante la discussione che si è avviata in questi giorni questi emendamenti contribuiranno a ridurre i costi bancari ed a migliorare la trasparenza e la concorrenza nel mercato creditizio».
15/02/2007 10.30