Sfl Innovazione Europea: «Le interrogazioni comunali che non ti ho fatto»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1923

PESCARA. «Se sedessi anch'io in quegli scranni avrei un sacco di domande da porre a questa illustre assise su alcune questioni per le quali i conti non mi tornano».
Lorenzo Valloreja, leader del Movimento Sfl Innovazione Europea, (partito che non ha rappresentanti in consiglio comunale) avrebbe una lunga lista di interrogazioni che non verranno mai formulate, almeno non da lui. Le tira fuori dal cassetto dopo il malinteso tra il re della pasta De Cecco e l'onorevole Acerbo, (risolto almeno nella forma ma non nella sostanza, perché la querela resta) per dimostrare il proprio appoggio morale all'esponente di Rifondazione «per la liceità della propria interrogazione». E di domande lecite ce ne sarebbero altre da fare, secondo Valloreja, «ma nessuno dei consiglieri che hanno facoltà di domandare le ha mai presentate».
Ce n'è per tutti i gusti, dai parcheggi allo scandalo Fira, dai rapporti Comuni- imprenditori agli istituti di credito che «nascono come funghi».

1. «Questa amministrazione nei suoi attuali 1134 giorni è stata scossa più di una volta da diverse inchieste giudiziarie e amministrative che hanno visto implicati propri assessori o capi servizio e nonostante questo, con molta baldanza, taluni individui coinvolti in queste vicende anziché essere radiati dal circuito amministrativo sono stati reintegrati, e per certi versi anche promossi, distaccandoli ad uffici molto più prestigiosi, con mansioni di assoluto rilievo. Perché?»

2. «Questa amministrazione è una delle poche, se non l'unica in Abruzzo, ad aver attuato una sorta di "Pacs", una unione di fatto fra ente pubblico e privati, una sinergia mecenatista che poco convince sotto l'aspetto programmatico e finanziario e che affascina ancor meno soprattutto alla luce degli ultimi scandali "Fira" e "Montesilvano".
Perchè?»

3. «Questa amministrazione ha prodotto, dal suo insediamento ad oggi, ben 44 diversi manifesti (ovvero più di un messaggio al mese ), 44 "autoelogi" nei quali magnifica il proprio operato in contrasto, spesso, con il reale giudizio del cittadino pescarese che, al contrario, ha visto l'incremento di una nuova forma di microcriminaltà e di degrado inversamente proporzionale alla fittizia crescita urbanistica della città. Perchè?»

4. «Questa amministrazione "sportiva" sotto l'aspetto amministrativo non lo è altrettanto su quello puramente associazionistico ed organizzativo come nell'esempio dei Giochi del Mediterraneo, ove le decisioni e le prese di posizione più importanti vengono sistematicamente rimandate o addirittura "devolute" ad altre realtà comunali. Perchè?»

5. «Questa amministrazione ha lasciato che si insediasse, senza tener conto della reale ricchezza pro-capite, un numero pari ad 80 istituti di credito diversi, fra banche e finanziarie all'interno della città di Pescara. Perchè?»

6. «Questa amministrazione che ha messo al primo posto del proprio programma amministrativo la realizzazione del "nuovo Pomponi" è a tutt'oggi, al di là degli sfarzosi slogan, inadempiente nei confronti della cittadinanza. Perchè?»

7. «Questa amministrazione che ha elaborato un piano traffico e una ZTL visibilmente impopolare ed inutile, continua sui suoi passi senza ravvedersi di una virgola. Incrementa anzi, incurante delle tasche vuote dei cittadini, attraverso le multe le proprie entrate che ad oggi ammontano a Euro 3.600.000. Perchè?»

09/02/2007 10.02