La Provincia dell’Aquila: corsi di formazione per docenti palestinesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1094

L’AQUILA. La creazione di tre nuovi centri di formazione per docenti scolastici e universitari nei territori occupati della Palestina. Questo il progetto, messo a punto dall’Associazione ONG Centro Internazionale “Crocevia”, con il patrocinio della Provincia dell’Aquila, presentato oggi nel corso dell’incontro che si è svolto presso la sala Celestiniana, a L’Aquila.

Come hanno chiarito Silvia Matta e il prof. Mohammad Taha, uno dei docenti universitari palestinesi, il progetto di cooperazione educativa triennale, approvato nel 2006 dal Ministero degli Esteri italiano, ha come obiettivo la formazione dei docenti palestinesi, che insegnano nelle scuole dei territori occupati.
«In Palestina vi sono tre tipologie di scuole- hanno spiegato- Quelle governative, controllate dai militari israeliani, quelle private, di emanazione religiosa e quelle gestite dall'Agenzia delle Nazioni Unite, a sostegno dei profughi. Lo scopo è quello di formare adeguatamente i docenti e facilitare il confronto con insegnanti e istituzioni italiane. Il primo di questi periodi di formazione ha avuto inizio il 6 gennaio 2007, ed è al suo interno che si collocano gli incontri in oggetto».
Nell'arco di tre anni si prevede di formare cinquecento insegnanti, al momento ne sono stati formati 360.
«Lo scopo dell'incontro odierno- ha spiegato l'assessore Di Pietro- va al di là del semplice scambio culturale. Abbiamo intenzione di iniziare una collaborazione più proficua. Come Amministrazione provinciale intendiamo inserirci nel progetto con l'attivazione di corsi di formazione».
All'incontro, promosso dall'Assessorato alla Pubblica Istruzione della Provincia dell'Aquila, hanno preso parte l'assessore Benedetto Di Pietro, una delegazione di docenti e dirigenti scolastici palestinesi operanti in diverse scuole e centri di ricerca a Ramallah, Jenin, Hebron e Nablus, la coordinatrice dell'Associazione Crocevia, Silvia Matta e il consigliere provinciale Francesco Paglia.
31/01/2007 15.23