Roseto, la variante Anas non c’è. Rapagnà:«Di Pietro ci dia una risposta»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

663

ROSETO. Il Coordinatore del “Comitato anti-TIR Città per Vivere”, Pio Rapagnà – ex Parlamentare - ha chiesto un incontro al Ministro per le Infrastrutture On. Antonio Di Pietro in occasione della sua presenza a Roseto il 2 febbraio prossimo, prima di dare inizio ad uno Sciopero della fame “individuale e collettivo” per chiedere ai soggetti competenti locali e nazionali l'inizio dei lavori per la realizzazione della “Variante alla Statale 16 Adriatica” relativa ai centri abitati del Comune di Roseto degli Abruzzi da essa attraversati.
«Tale opera pubblica», spiega Rapagnà, «finanziata una prima volta nel lontano 1959 (come quella di Pineto immediatamente realizzata), è stata urbanisticamente inserita nel Piano Regolatore Generale del Comune di Roseto, approvata dal Consiglio Comunale in seduta “solenne e straordinaria”, progettata in via esecutiva con il supporto della struttura tecnica dell'Amministrazione Provinciale di Teramo e inserita quale opera “strategica” direttamente collegata con la “Teramo-Mare”, deliberata dal Consiglio di Amministrazione dell'ANAS nel marzo del 1992 con uno stanziamento complessivo di 240 miliardi di vecchie lire: essa è stata presente sin dall'inizio negli atti ufficiali di tutti i Piani decennali della grande viabilità elaborati dal Ministero dei Lavori Pubblici, resa operativa dall'ANAS e dalla Regione Abruzzo quale “opera di interesse prioritario”».
Restano pertanto «misteriosi e ingiustificati», secondo l'esponente del movimento, i motivi che hanno impedito all'Anas, alla Provincia di Teramo, alla Regione Abruzzo e agli Amministratori del Comune di Roseto, che si sono succediti in questi anni, di procedere alla realizzazione dell'opera. Negli anni i cittadini di Roseto hanno lottato per il dirottamento dei Tir dalla Statale 16 alla A/14 in attesa di soluzioni alternative, e questa della variante è stata sempre considerata “la soluzione definitiva” del problema, proprio ad integrazione del “Corridoio Adriatico”, in vista del tanto atteso trasferimento del trasporto merci sui “Treni navetta” e sulle “Autostrade del Mare”.
«Il Comitato», dice Rapagnà, «pertanto si aspetta dal Ministro per le Infrastrutture On. Antonio Di Pietro una risposta concreta circa la effettiva volontà di realizzazione della Variante alla Statale 16 nel Comune di Roseto, collegata con la Teramo Mare, con l'Autoporto e la Zona Industriale giustamente collocati a ridosso del Casello Autostradale A/14 di Roseto».

29/01/2007 10.57