Partita la riorganizzazione della politica di Montesilvano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2161

MONTESILVANO. Come ricostruire i cocci di una città in frantumi? Come far ripartire Montesilvano e avvicinarsi alle nuove elezioni? La situazione è ancora molto complicata e i continui arresti non danno il tempo di metabolizzare cioè che è successo, né alla vita politica di “riorganizzarsi” . In tutto questo ci sono anche i cittadini disorientati che giorno dopo giorno scoprono nuove magagne, risvolti, bassezze dei propri ex amministratori cittadini. E dopo l’arresto dell’ex assessore Guglielomo di Febo Ds e Centro destra chiedono un cambiamento radicale nel futuro politico della città.
«La delicata situazione politica amministrativa attuale in città impone
un'assunzione di responsabilità da parte di tutti i soggetti politici», ha dichiarato il segretario Ds Mirko Secone, che, con ruoli e funzioni diverse, debbono essere capaci di cogliere il bisogno
di cambiamento e di discontinuità».
« L'anomalo centrosinistra montesilvanese», ammette il rappresentante, «che si è determinato
all'indomani delle elezioni amministrative del 2004, oggi più che mai ha dimostrato la sua fragilità».
La soluzione, secondo Secone, non sta nelle liste civiche: « che possono, e devono, dare un contributo importante ad un progetto politico complessivo, ma non possono sostituirsi interamente ai partiti. Occorre che l'Unione – e noi lavoriamo già in tale direzione - tornino presto ad incontrarsi per delineare e confrontarsi insieme, sulle basi del nuovo progetto politico e di governo per la città».
Nei prossimi giorni i Ds metteranno in atto la campagna di ascolto del partito - che vedrà come primo appuntamento un incontro con tutti gli iscritti e simpatizzanti del Partito – con
l'intenzione di creare un momento di apertura e di discussione profonda.

IL CENTRO DESTRA

Il tavolo di lavoro composto dai partiti di centrodestra e delle liste civiche che si riconoscono in un progetto alternativo al centrosinistra ha designato i componenti della commissione per il programma politico-amministrativo della coalizione in vista delle prossime elezioni comunali.
I rappresentanti dei partiti e delle liste civiche (FI, AN, UDC, Riformatori Liberali, Pescara Futura, Partito Repubblicano, Democrazia Cristiana-Movimento per le Autonomie, Lavoriamo Insieme e Montesilvano Libero) hanno proceduto ad una valutazione specifica ed approfondita dei nominativi proposti come possibili candidati alla carica di sindaco, con riferimento alle rispettive caratteristiche personali, politiche e sociali.
«Il tavolo», assicurano i rappresentanti, «proseguirà la propria azione per assicurare a Montesilvano nel più breve tempo possibile un chiaro e condiviso progetto programmatico, finalizzato alla rinascita, allo sviluppo ed alla partecipazione democratica di una comunità colpita al cuore dall'inchiesta penale in corso e da anni di totale disinteresse per i cittadini e per le loro esigenze ed incarnato e promosso da una figura forte ed autorevole».

30/12/2002 10.20