«Altro centro commerciale: il colpo di grazia per piccoli commercianti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1802

CHIETI. «Grave crisi economica in agguato» per la città, secondo l'esponente della Fiamma Tricolore Cristiano Vignali. Il tessuto urbano starebbe infatti per cadere nuovamente nella morsa letale dei centri commerciali.
A pochi passi dal Megalò, infatti, arriverà presto un nuovo centro commerciale che potrebbe decretare la morte definitiva delle piccole attività commerciali della città.
La preoccupazione è forte tra i commercianti che sono seriamente spaventati dal nuovo arrivo.
«Con la firma del contratto per il Villaggio del Mediterraneo», dichiara Cristiano Vignali della Fiamma Tricolore, «si è firmato l'atto di "condanna a morte" della città. Infatti, è doveroso sottolineare che, annesso al Villaggio sarà costruito un mega centro commerciale di 3700 mq , che si andrà ad aggiungere al Megalò , in un'area che ha già la più alta concentrazione di centri commerciali d' Italia».
«E' triste vedere Chieti», continua Vignali, «una delle più antiche città d'Italia, vessata, snobbata, e finanche umiliata dall'economia globalizzata.Stiamo assistendo alla distruzione del piccolo commercio a Chieti, cioè di quello che rende possibili i rapporti umani fra cliente e commerciante, che contraddistingue le medie città di provincia italiane, e con esso di tutta l'identità cittadina teatina».
Secondo l'esponente della Fiamma la costruzione di questo nuovo centro commerciale, che sarà un vero e proprio polo di attrazione economico-sociale contrapposto non solo a Chieti Alta, ma anche allo Scalo, collocato nel cuore della cosiddetta area metropolitana "Chieti-Pescara", porterà non solo alla definitiva fine del commercio del Colle, ma al «coma irreversibile» della stessa economia scalina, con la conseguente morte della città.

18/12/2006 10.33