Pezzopane : «sulla Finmek adesso vogliamo certezze»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1654

L'AQUILA. La presidente di Provincia Stefania Pezzopane chiede che si faccia chiarezza una volta per tutte sulla posizione dei russi, intenzionati a rilevare la Finmek. E lunedì si dovranno presentare i documenti al Governo per poi poter accedere ai fondi.
Aprire un confronto serrato con il governo per una rapida soluzione della vicenda Finmek.
Questo l'appello che la presidente della Provincia dell'Aquila, Stefania Pezzopane, lancia agli assessori regionali Valentina Bianchi e Fernando Fabbiani, ai parlamentari del nostro territorio che seguono da vicino la vertenza e al Sottosegretario Lolli, a cui chiede di farsi parte attiva con l'esecutivo.
«La preoccupazione espressa dai lavoratori per la dilatazione dei tempi della trattativa con i russi è condivisibile», ha affermato la
presidente- ma i lavoratori e le Organizzazioni sindacali non solo soli.
La Provincia continua a mantenere la «massima attenzione sulla vertenza», in particolare sulla trattativa con la società russa.
Tuttavia la Presidente Pezzopane esorta a dire basta con le incertezze e le illazioni su questa vicenda, che si trascina da anni. «Chiediamo al Presidente del Consiglio, Romano Prodi e al Ministro dello Sviluppo Pierluigi Bersani di avere delle risposte certe, concrete e immediate sull'esito della vertenza.
Il governo ci dica chiaramente a che punto è la trattativa con i russi. Se ci sono dei margini ancora aperti, come sembra, allora è necessario stringere i tempi. In caso contrario è necessario imboccare anche altre strade.
Sarebbe sgradevole che al grave disimpegno e alle illusioni del governo di centrodestra seguisse una disattenzione del governo Prodi.
Giusto allora mantenere una costante pressione sul governo».
Ed entro lunedì l'azienda dovrà fornire la documentazione al Governo sulla presentazione dei piani di investimento delle aziende interessate ai siti Oliit e di Finmek, per poi poter accedere ai fondi.

09/12/2006 9.40