«I problemi dei senzatetto non si risolvono con un vigilantes sponsorizzato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

908

PESCARA. Con 24 voti a favore e 7 contrari, il Consiglio comunale ha approvato ieri mattina la delibera sull'assestamento generale del Bilancio dell'esercizio 2006. L'assemblea ha anche approvato con 24 voti a favore e 3 contrari la sua immediata esecutività, così come immediatamente esecutiva è la ratifica della delibera di giunta «Iniziative per il miglioramento del decoro urbano di piazza Sacro cuore con il contributo di privati. Variazione di bilancio». Ma i Verdi contestano una singolare iniziativa per “proteggere” gli scolari da “molesti senzatetto”.
Il Consiglio ha inoltre approvato un ordine del giorno a firma di Glauco Torlontano (Ds) in cui si sollecita l'intervento del Sindaco e degli assessori competenti sul funzionamento delle «importantissime centraline di controllo degli inquinanti atmosferici in viale Bovio», per le quali «non è stato ancora possibile ottenerne il funzionamento per mancanza di personale tecnico». L'assemblea ha fatto proprio anche un ordine del giorno a firma di Maurizio Acerbo (Prc-Sinistra europea) che chiede a sindaco e giunta «di attivare immediate iniziative di interlocuzione con la Guardia di finanza, l'Agenzia del demanio e il ministero competente» sull'ubicazione della caserma delle Fiamme gialle, considerato che - si legge nel documento approvato in Aula con 16 voti a favore su 17 presenti - «dopo un'attenta ricognizione dei terreni recentemente ceduti al Comune in attuazione dei programmi complessi, l'assessore all'urbanistica ha individuato un'area di 6.705 mq tra via Tirino e via 390 da denominare che è idonea per dimensioni e ubicazione ad ospitare il nuovo Comando della Guardia di finanza».
Non sono mancate le polemiche su argomenti molto importanti come quello dell'alto tasso di inquinamento raggiunto in città, nonostante qualunque tentativo messo in atto dall'amministrazione.
I Verdi hanno protestato soprattutto nei confronti della delibera per la riqualificazione di piazza Sacro Cuore.
«Forse non tutti si sono resi conto di cosa hanno oggi approvato in Consiglio Comunale allorquando si e' discussa l'ultima variazione di bilancio dell'anno 2006, votata da tutto il centro sinistra ad eccezione di noi Verdi», ha commentato Fausto Di Nisio, capogruppo dei Verdi, «sotto le mentite spoglie di un contributo/sponsorizzazione da parte di un privato per il miglioramento del decoro di Piazza Sacro Cuore si e' celato un atto, che a nostro parere, dimostra la scarsa attenzione verso le problematiche sociali della nostra città. Il contributo dell'Hotel Plaza, infatti, non servirà a sistemare la piazza con qualche arredo particolare o a manutenere quel poco di verde presente, ma sarà necessario per pagare un “vigilantes scolastico” che sarà utilizzato quale deterrente alla presenza dei senza-tetto in tale luogo. Ma per noi Verdi i senza tetto non rappresentano un problema di decoro urbano, semmai sono la rappresentazione di una diseguaglianza sociale che si va' diffondendo, sempre di più, anche nel nostro “ricco” paese dove una fetta consistente di cittadini (più del 15%) ha un reddito inferiore a 4.000,00 Euro/anno ed un'altra ancora maggiore (piu' del 25%) ha un reddito inferiore ai 10.000,00 Euro/anno».
Secondo Di Nisio «il cosiddetto “problema” dei senza tetto» non troverà soluzione con “vigilantes” deterrenti presenti ad ogni angolo o piazza della città, ma, al contrario, dovrebbe trovare soluzione attraverso una politica sociale che si soffermi a dare risposte concrete ai necessari bisogni della collettività quale è, ad esempio, un centro diurno/notturno per i senza tetto.
«Crediamo», aggiunge Di Nisio, «che la collettività debba farsi carico di questi oneri attraverso una corretta allocazione delle risorse collettive anche se questo dovesse significare avere qualche strada o marciapiede non sistemato. Prima la dignità delle persone, degli anziani e dei bisognosi e poi il lustro e la qualità dei luoghi. Ed e' anche per questi motivi che aderiamo, fin da ora, alla giornata di mobilitazione per protestare contro l'inasprimento della tassazione Irpef e dei rifiuti urbani nella nostra città, a cui parteciperanno lavoratori e pensionati, e che e' stata annunciata dalle segreterie provinciali di Cgil-Cisl-Uil, unitamente alle segreterie provinciali dei pensionati Spi-Fnp-Uilp per il giorno 13 dicembre prossimo».

28/11/2006 8.47