Una commissione tecnica per la gestione del verde cittadino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

659

PESCARA. La proposta arriva dai consiglieri di minoranza Masci- Fiorilli che hanno presentato questa mattina una mozione al presidente del consiglio comunale. Berardino Fiorilli e Carlo Masci di Pescara Futura hanno presentato una mozione per richiedere al sindaco e alla giunta la costituzione di una commissione tecnica di esperti (agronomo, forestale, fitopatologo, paesaggista, associazioni ambientaliste, docenti del settore, ecc...) per la redazione del regolamento comunale per la gestione del verde cittadino.
«Si avvicina il periodo delle potature autunno- invernali», scrivono i due consiglieri, «e per evitare che gli interventi siano effettuati solo con l'ottica del minimo costo, senza tener conto degli aspetti tecnici, sarebbe opportuno avere un regolamento del verde che non lasci l'esecuzione degli interventi alla libera interpretazione di qualche "vivaista filosofo del verde"».
Secondo i due consiglieri, dal momento che le prescrizioni che vengono inserite nel capitolato sono molto generiche ogni artista-botanico si sbizzarrisce come vuole e l'immagine complessiva della città non è soddisfacente.
«Sono sotto gli occhi di tutti», spiega Fiorilli, «interventi effettuati nel passato con capitozzature che hanno rovinato irrimediabilmente alcune alberate di Platano nella nostra città (per esempio viale Vespucci o via del Santuario). D'altronde, il danno provocato sulle alberate che hanno un valore
estetico ricreativo ed ambientale quantificabile anche in termini economici, a causa di potature dissennate, rappresenta un vero e proprio danno patrimoniale per i cittadini».
«E' sotto gli occhi di tutti», continua Masci, «il grave problema della gestione delle alberate per
quanto riguarda la fitostabilità. Non si può affrontare il problema della stabilità degli alberi in maniera occasionale perché altrimenti si rischia quanto accaduto in altre città d'Italia dove schianti
improvvisi di alberi cariati hanno provocato danni a cose, feriti o addirittura morti (caso dell'Aquila di qualche mese fa)».
«Inoltre a Pescara», si legge nella mozione presentata dai due consiglieri, «ci sono problemi di natura fitosanitaria. Si citano soltanto alcuni esempi emblematici i tigli invasi da insetti cocciniglie ed afidi nelle principali vie della città: via regina Elena, viale Vittoria Colonna, viale Bovio via di Sotto. I platani pieni di insetti tingide del platano, che crea grandissimi fastidi alle persone in via Marino da Caramanico, via Vespucci o ancora i pini che stanno disseccando in molte aree della città, i lecci invasi da cocciniglie».
20/10/2006 8.27