Nuovo ospedale: «localizzazione imposta per ottenere finanziamenti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

962

VASTO.Nelle ultime settimane si starebbe registrando, secondo Claudio Zimarino e Antonino Spinnato del movimento “Un voto pulito per Vasto” «una vera e propria escalation di pressioni» affinchè si proceda alla cessione dei terreni comunali in località Colle Pizzuto alla Asl.
Il fine ultimo sarebbe quello di avviare il finanziamento della costruzione del nuovo ospedale e sembra quasi, come spiegano Zimarino e Spinnato «che la spesa sia diventata la “magnifica ossessione”».
«E' degno di nota», spiega Zimarino, «il maldestro tentativo di far apparire la scelta di questa località come una scelta obbligata, senza la quale Vasto perderebbe il nuovo ospedale o passerebbe in seconda fila rispetto ad altri centri della Regione». «Non ci convince», continua Spinnato, «il fatto che la concessione dei finanziamenti sia legata ad una determinata localizzazione dell'ospedale, la localizzazione è una scelta che compete al Comune e basta una semplice delibera del consiglio comunale per approvare una variante che permetta la costruzione del nuovo ospedale in altra località (come è avvenuto negli ultimi anni per altre opere anche non pubbliche), non occorre quindi, almeno per questo scopo, rivedere da cima a fondo il Piano Regolatore».
I due esponenti di Un voto pulito per Vasto esprimono la nostra contrarietà alla collocazione dell'ospedale a Colle Pizzuto «per l'elevato dissesto idrogeologico dell'area».
In quella zona nel Febbraio 2005 una danneggiò l'acquedotto. «Riteniamo che il dissesto sarebbe certamente aggravato da un'opera imponente come un ospedale e comporterebbe sicuramente una considerevole lievitazione dei costi di costruzione, quindi se qualche investimento va fatto a Colle Pizzuto, questo deve essere in opere di risanamento del territorio».
«Sarebbe auspicabile», si augura Zimarino, «che il nuovo ospedale sorgesse nella zona a Nord del centro abitato, in quanto pianeggiante, maggiormente provvista di servizi, infrastrutture, collegamenti viari affidabili, anche se purtroppo più distante da San Salvo».
Nell'ultimo anno e mezzo si è inoltre verificato un rovesciamento della posizione del Centro-Sinistra vastese: solo qualche mese fa il vicesindaco Nicola Del Prete affermava in un'intervista: «La Margherita è stata sempre contraria al sito di Colle Pizzuto, da anni ripetiamo che va potenziato l'ospedale esistente». Oggi lo stesso è fra i più fervidi sostenitori del nuovo ospedale a Colle Pizzuto. «Come mai», si domandano Zimarino e Spinnato, «le posizioni politiche dei partiti cambiano a seconda dell'inquadramento degli uomini nelle posizioni di potere?»
25/09/0613.11.46