Popoli. An chiede un consiglio comunale per sanità e terme

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

934

POPOLI. Il consigliere provinciale di An Mario Lattanzio, nonché capogruppo di minoranza della lista “Liberta e Coerenza”, chiede, l'immediata convocazione di un consiglio comunale “ad hoc”, alla presenza delle autorità preposte e dei soggetti interessati per discutere sulla “questione sanità” che a Popoli riguarda sia le Terme sia l'Ospedale, con serio rischio di perdita di numerosissimi posti di lavoro (circa 850) oltre all'inevitabile disagio che verrebbe a privare la cittadina di due importanti punti di riferimento occupazionale, inoltre, con gravi ripercussioni per Popoli dal punto di vista socio – economico.
Le Terme di Popoli rischiano, com'e' noto, la chiusura per il mancato ri – finanziamento da parte della Regione di 550mila euro e l'Ospedale se non si dovesse, a breve, pervenire ad una accordo per l'inserimento dello stesso nella “fascia B” (attualmente l'Ospedale di Popoli è classificato in “fascia C”) o, quanto meno, all'accorpamento con altre realtà sanitarie limitrofe.
Conclude polemicamente Lattanzio dicendo che: «a Popoli, la maggioranza di governo riscuote un elevato consenso elettorale ma, al di fuori delle “mura” cittadine, questo “peso” politico serve a poco perché non ha “voce in capitolo”. Una grave mancanza», affonda Il Consigliere provinciale «quando si tratta di combattere per le “questioni” serie che compromettono il futuro della città. Terme e Ospedale che servono a garantire, innanzitutto, l'occupazione, e poi la tranquillità e lo sviluppo di Popoli ma, soprattutto, il benessere sociale ed economico dei cittadini popolesi».
A.M. 25/09/0612.49.14