Pescara 2009. Petrucci lascia, Paolini si sospende, il commissario Fontana...

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1394

AGGIORNAMENTO (18.15) ABRUZZO. Ancora un colpo di scena che arriva dopo silenzi e tempo perso. La situazione improvvisamente è precipitata ed in un attimo i giochi del Mediterraneo sono ora più lontani che mai. Gianni Petrucci sbatte la porta, Paolini lo segue per «sensibilità politica» invitando tutti gli altri esponenti pubblici a seguire l’esempio. Il Commissario Gaetano Fontana a questo punto potrebbe formalizzare a breve anche le sue dimissioni. LA NOMINA DI FONTANA     ...VILLAGGIO: RISCHIO DI SCACCO MATTO  TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SU PESCARA 2009
Gianni Petrucci ci riprova, questa volta però non ci sarano ripensamenti.
Con un laconico annuncio il presidente del Coni ha presentato le sue dimissioni dall'ufficio di presidenza dei Giochi del Mediterraneo Pescara 2009.
Una grave perdita che precede quella da giorni minacciata dal commissario Fontana, nominato per la gestione dei (pochi) 30 milioni di euro per cominciare le opere necessarie in forte ritardo, come il Villaggio olimpico.
Anche Enrico Paolini abbandona.
«L'atto di Petrucci», ha detto, «mi obbliga moralmente e politicamente a sospendere la mia partecipazione all'ufficio di presidenza fino ad un chiarimento che porti a decisioni definitive e serie con il pieno coinvolgimento del Coni che è indispensabile per i giochi stessi. Invito gli altri membri dell'ufficio di presidenza rappresentanti il Comune e la Provincia di Pescara a fare altrettanto per garantire la univocità di intenti delle amministrazioni pubbliche interessate».

E pensare che solo pochi giorni fa l'assessore e vicepresidente della Regione Paolini aveva dichiarato:«Il prossimo traguardo? I Giochi del Mediterraneo, naturalmente. L'impegno c'è, la volontà pure. Nei prossimi giorni, incontrerò il Commissiaro straordinario Gaetano Fontana. A lui porteremo, innanzitutto, il nostro orientamento comune».

Lo scorso 22 novembre le prime dimissioni di Petrucci.
Petrucci in quella occasione ha affermato che vi sono «fondati motivi di preoccupazione per i Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009 a causa dei persistenti contrasti in seno al consiglio di amministrazione e dell'impossibilita' di dare corso ad un progetto che rischia di fallire ancor prima di iniziare, nonostante il sostegno assicurato dal governo nell'ambito della manovra finanziaria all'esame del Parlamento».
Sembrano scontate a questo punto le dimissioni anche del commissario Fontana e probabilmente anche di molti altri membri dell'ufficio di presidenza.
La situazione appare più critica che mai e sta precipitando sempre più verso l'irreparabile.

11/09/2006 14.25


«NON ABBIAMO NOTIZIE UFFICIALI»

«Nessuna comunicazione ufficiale da parte del Coni e di Petrucci. Abbiamo solo una dichiarazione di Paolini giunta via fax».
Dall'Ufficio di presidenza dei Giochi del Mediterraneo è questo per ora l'unico commento che fuoriesce.
Si apprende solo che il presidente Sabatino Aracu «sta rientrando» per analizzare la situazione e decidere il da farsi.
Altri sviluppi, su questo versante potrebbero aversi in serata.

11/09/2006 16.45


LE DICHIARAZIONI DEL SINDACO DI PESCARA, LUCIANO D'ALFONSO

«La notizia delle dimissioni del Presidente del Coni Petrucci dal Consiglio di Amministrazione dei Giochi del Mediterraneo è un campanello d'allarme che non può essere trascurato. Chiederò al Sottosegretario allo Sport, Lolli, di farsi promotore di un coinvolgimento di tutti i vertici istituzionali nazionali, regionali e locali che hanno competenza nell'organizzazione dei Giochi, per superare questa impasse nel modo migliore. Sono certo che siamo tutti consapevoli del fatto che abbiamo una forte responsabilità sulle spalle per consentire la migliore riuscita possibile dei Giochi del Mediterraneo, a vantaggio dell'immagine internazionale della città, dell'Abruzzo e dell'Italia».
11/09/2006 18.13


"CI PENSI IL SOTTOSEGRETARIO LOLLI..."

Situazione confusa ed ancora in frenetico divenire.
Si susseguono le telefonate e le consultazioni, si cercano verifiche e conferme.
Dopo Petrucci sembrano confermate anche le dimissioni del commissario Gaetano Fontana che era entrato in attrito con Guido Bertolaso (che gestisce i 30 milioni) poiché si sarebbe dovuto far ricorso ad un controllore del commissario.
Cosa che a Fontana non sarebbe andata giù. Almeno queste sono le notizie trapelate.
Ed ora ci si appella al sottosegretario allo Sport, Giovanni Lolli, che pure nei confronti dei giochi non si era dimostrato tenero.

«E' lui l'unica chance per verificare se esistano o meno le condizioni per ricucire una situazione così difficile, e proseguire sulla strada che porta a Pescara 2009», sostiene il presidente della Provincia di Pescara, Giuseppe De Dominicis.
«Questo perchè solo l'autorevolezza di un esponente di governo può garantire tutte le parti interessate, istituzioni e Coni, circa una positiva soluzione della crisi del Comitato organizzatore. Dunque, alla fine di questo percorso valuterò la richiesta del vicepresidente della Regione, Enrico Paolini, di auto-sospendermi assieme a lui e agli altri rappresentanti istituzionali, dall'Ufficio di presidenza dei Giochi del Mediterraneo».

11/09/2006 18.55