Rifondazione Comunista: «statuto comunale? Voteremo contro»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

893

VASTO. A pochi mesi dalle elezioni per il nuovo sindaco si profila la prima spaccatura nella giunta comunale. Sotto accusa anche l’aumento di assessori.
Rifondazione Comunista minaccia di non votare lo statuto comunale, il documento più importante dell'ente locale, anche se non chiarisce tutti i punti che non approva.
Unica certezza la contrarietà all'aumento del numero di assessori.
«Se il nuovo Statuto arriverà in consiglio comunale con l'aumento di assessorati da 8 a 9 e con diversi articoli elaborati dalla vecchia amministrazione voteremo contro», annuncia Marco Marra, capogruppo Rc. «E per coloro che fanno riferimento ad accordi pre elettorali», precisa Marra, «penso che la proposta di aggiungere una poltrona sia una discussione politica che in questo momento in città non appassiona nessuno! Siamo lavorando per risolvere i gravosi problemi di Vasto e per costruire un percorso di sviluppo. Parlare di nove assessori ha poco senso se si fa riferimento invece agli accordi all'interno dell'unione è chiaro che tutte le forze politiche hanno diritto ad avere un ruolo e visibilità ma questo però non è necessario che avvenga con la presenza in giunta, può avvenire anche, ad esempio, attraverso l'amministrazione di enti strumentali importanti e strategici.

07/09/2006 10.05