Fi «Continuare la verifica per non fermare il rinnovamento»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1044

TERAMO. «Forza Italia chiede che l’amministrazione comunale di Teramo, dopo la recente positiva verifica, continui con rinnovata e ferma determinazione l’azione politico-amministrativa che, per chiari segni, sta cambiando l’immagine della nostra Città restituendole il ruolo di capoluogo e di punto di riferimento per l’intera provincia». Lo chiede il coordinamento comunale di Fi.
Gli azzurri individuano poi le priorità : «iniziative culturali, numerose e di grande spessore; una particolare attenzione per le esigenze delle frazioni; le notevoli risorse impegnate per il sociale; l'azione in corso per il recupero di elementi qualificanti (anche storico- architettonici) del centro storico; l'impegno decisivo per realizzare nel concreto alcune grandi strutture che si attendono da anni; l'adozione del Piano Regolatore Generale ed altro ancora, sono certamente un eccellente risultato per i “due” anni di amministrazione di centrodestra».
«Forza Italia», spiega il coordinatore Attilio Altitonante, «ritiene che da questi risultati positivi si debba partire per altri più impegnativi ed ambiziosi successi. Bisogna costruire il futuro sviluppo con il coraggio e con l'innovazione. L'amministrazione Chiodi, infatti, ha e conferma di avere obiettivi che vanno oltre la buona amministrazione: il Sindaco Chiodi, Forza Italia, gli alleati stanno svolgendo un'azione (superando forse quelle che sono le specifiche tradizionali competenze di un Comune) tesa a rilanciare la Città sul piano economico anche stimolando, spesso invano, gli Enti sovraordinati. Il Sindaco Chiodi, con il pieno appoggio di Forza Italia, ha assunto già iniziative innovative (anche a livello di studio approfondito) di grande rilievo (impensabili e impensate a sinistra): il Piano strategico per il futuro di Teramo che vede il coinvolgimento di tutte le forze e le energie della città; una Società per la Trasformazione Urbana (STU) che dovrà coinvolgere risorse economiche private per il recupero e la valorizzazione del grande patrimonio edilizio comunale e dell'intera città; l'ideazione di un “Private Equity Teramo” che impegnerà capitali a supporto del management per lo sviluppo delle piccole e medie imprese teramane; si è, inoltre, in attesa dello studio relativo alla centrale turbogas che, se realizzabile, porterà a Teramo ingenti risorse».

Secondo il partito di Berlusconi il primo cittadino ha lavorato bene anche nel campo della ricerca; «la possibilità di utilizzare circa 50 milioni di euro (cifra colossale per Teramo) da parte del prestigioso Istituto di ricerca teramano sembra trascurato a livello nazionale e dalla Regione Abruzzo. La sede nuova dello Zooprofilattico è importante, ma non solo: Teramo potrebbe aprire una vertenza dell'intera Città con Regione e Governo, magari cogliendo l'occasione dei prossimi Giochi del Mediterraneo».
E poi c'è l'immancabile passaggio relativo allo sfruttamento mediatico dei Giochi del Mediterraneo del 2009.
«Teramo dovrebbe utilizzare l'occasione dei Giochi per cogliere la possibilità di avere, grazie ai meriti scientifici acquisiti, l'ottenimento per l'Istituto Zooprofilattico “Caporale” del ruolo di controllo e salvaguardia dell'Alimentazione nell'intero bacino del Mediteranno», continua Altitonante, «il Sindaco Gianni Chiodi, il Direttore Enzo Caporale, le altre Autorità cittadine, provinciali e regionali, si facciano promotori di una “battaglia” meritoria, con una vertenza Teramo da portare sul tavolo del Governo. Su questa ultima proposta, ma anche sulle altre idee-progetto, vorremmo che si aprisse un colloquio costruttivo e fattivo: tra tutti, non dando troppo peso al solito “Partito dei no” pregiudiziale».

05/09/2006 10.42