Lanfranco Tenaglia responsabile nazionale della Margherita per Giustizia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

866

Il deputato Lanfranco Tenaglia è da oggi il responsabile nazionale della Margherita per il settore Giustizia.
Lo ha nominato il Presidente del partito e Vice Presidente del Consiglio, l'On. Francesco Rutelli. Il parlamentare, eletto in Abruzzo nella lista dell'Ulivo, ricopre già gli incarichi di vice presidente della Giunta per le immunità della Camera e di componente della Commissione Giustizia di Montecitorio.
«Seguirò le attività relative al settore - ha commentato Tenaglia -, in raccordo con i parlamentari e i ministeri interessati alla materia. Si tratta di un incarico particolarmente delicato, che arriva nel giorno in cui il nuovo Parlamento per la prima volta ha affrontato temi legati alla Giustizia, con l'approvazione dell'indulto».
La mole di lavoro si annuncia notevole e, da settembre, si incentrerà sul disegno di legge sulle intercettazioni.
L'approvazione del provvedimento sull'indulto è «un grande atto di assunzione di responsabilità del Parlamento di fronte al Paese e un atto di clemenza per far fronte a una situazione carceraria di assoluta emergenza», ha poi commentato.
«Si tratta di un atto di clemenza - ha sottolineato il parlamentare - per fare fronte a una situazione carceraria di assoluta emergenza che, a causa del sovraffollamento, non è in grado di raggiungere le funzioni costituzionali della pena, ovvero quelle della rieducazione e del reinserimento».
Il provvedimento - secondo Tenaglia - «non dimentica i diritti di sicurezza dei cittadini: dopo l'applicazione dell'indulto è, infatti, previsto un periodo di cinque anni nel corso dei quali i beneficiari sono sottoposti a osservazione. Se commettono nuovi delitti, l'indulto viene revocato. Né dimentica - prosegue il deputato abruzzese - i diritti delle vittime del reato, perché l'indulto non cancella le responsabilità, non fa venire meno il diritto al risarcimento, ma incide solo sulla pena, con uno sconto della stessa».

27/07/2006 17.16